TikTok, il social video che piace a bambini e adolescenti

Superato musical.ly, adesso c’è TikTok e i ragazzi e ragazzini sono impazziti: creano video musicali e li condividono in attesa di like.

Ci sono App per ogni cosa e i bambini sono abituati ad utilizzarle con molta facilità. TikTok nasce come social network cinese nel settembre 2016. Ha avuto un successo mondiale e sono 500milioni le persone che si divertono. Come funziona? Bisogna scaricare l’apposita app, loggarsi e creare clip musicali (non più di 1 minuto) da condividere con la Rete.

Per chi è meno pratico: ricordate musical.ly? benissimo, TikTok lo ha inglobato per creare un network più grande, che facesse gola anche agli utenti giovani. Il problema è proprio questo. I fruitori sono davvero giovanissimi, dai 6 ai 16 anni, e c’è il rischio che alcuni comportamenti non siano controllati e controllabili nel modo corretto. Si va verso l’egocentrismo amplificato.

Ovviamente, dal social network non sono d’accordo. Alcuni considerano TikTok come un palcoscenico per farsi notare in totale sicurezza. Silvia Renzi, psicologa e psicoterapeuta Gestalt-Analitica intervistata da Repubblica ha commentato:

"Se sono costantemente in vetrina lo sviluppo del sé e la definizione dell'identità adulta si formano solo attraverso il giudizio di un pubblico immaginario, virtuale. E visto che nella realtà non esistono i like, ci si sente persi".

E ha anche aggiunto:

"Un passaggio fondamentale quando si è nella fase della crescita. Così è come se ci si tuffasse in una dimensione parallela dove tutto ha senso, è coerente e giusto, ma non ha nulla a che vedere con la realtà vissuta. È una schizofrenia in cui vivono quotidianamente e che può provocare disagi nelle relazioni sociali".

  • shares
  • Mail