Coronavirus, Azzolina: “Parchi e cortili delle scuole a disposizione dei bambini in estate”

Saranno a disposizione dei bambini i giardini e i cortili delle scuole, così da permettere ai piccoli di stare all’aperto durante la bella stagione.

Quando torneranno a scuola i bambini? A questa domanda non c’è ancora risposta. Quello che però si sa è che il Governo sia al lavoro sulla definizione di linee guida specifiche che consentano di far recuperare la dimensione della socialità ai bambini più piccoli. In che modo? Attraverso attività all'aperto. La Ministra Lucia Azzolina dopo l'incontro convocato dalla Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, cui erano presenti la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, il Ministro per le Politiche giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora, la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa e i rappresentanti di Regioni, Comuni, Province, ha spiegato:

“Sappiamo bene che su questo le indicazioni del comitato tecnico-scientifico invitano alla massima prudenza. Si tratta quindi di un puzzle di difficile composizione. Servono cautela e responsabilità. Ma con le giuste precauzioni si possono ipotizzare soluzioni di buonsenso, da programmare nelle prossime settimane, per dare una mano alle famiglie".

La Ministra è però consapevole che i bambini hanno bisogno di stare all’aperto e possibilmente in compagnia di altri bambini. Dovranno essere però stabiliti dei protocolli rigidi da un punto di vista sanitario, con la massima attenzione alle misure di distanziamento.

“Stiamo valutando la possibilità di mettere a disposizione, questa estate, i cortili e i giardini delle scuole. Da affidare a personale esterno. Saranno esclusi naturalmente gli istituti scolastici impegnati nei lavori di edilizia che stanno partendo e che sono necessari in vista di settembre”.

  • shares
  • Mail