Tutti a scuola per l’ultimo giorno prima delle vacanze: bocciata la proposta dal Cts

Non ci sarà un ultimo giorno di scuola, non ci si saluterà prima delle vacanze. È ancora troppo pericoloso.

Festa fine anno scolastico, scuola media

La ministra Azzolina ha annunciato che a settembre si tornerà a scuola, ma è stata bocciata la proposta della vice ministra all'Istruzione, Anna Ascani, di riaprire le scuole in occasione dell’ultimo giorno, per permettere ai ragazzi – soprattutto quelli che finiscono un ciclo – di salutarsi.

"Il Cts ha detto che l'ultimo giorno di scuola non si può fare 'in classe'. Ed io su Repubblica avevo detto 'almeno all'aperto si può'. Lavoriamo per permetterlo quindi all'aperto, in sicurezza. Non si può negare a bambini e ragazzi delle classi terminali questa possibilità".

Queste le parole su Twitter della viceministra dell'Istruzione, Anna Ascani, che su Facebook ha anche aggiunto:

"In un primo momento il Comitato tecnico scientifico aveva detto no anche ai centri estivi. Poi si è trovato il modo di organizzarli in sicurezza. Dobbiamo fare lo stesso per l'ultimo giorno di scuola".

A spiegare come mai sia arrivato un no è Agostino Miozzo, il coordinatore del Cts:

Iniziative del genere non si possono fare perché le scuole non sono attrezzate e non hanno ancora predisposto i piani per regolare gli accessi alle aule scolastiche, agli androni, ai cortili. Il problema non è fare un saluto, ma accedere in condizioni di sicurezza, e questo al momento non è possibile. E poi bisogna evitare che i ragazzi cerchino il contatto fisico.

  • shares
  • Mail