Jorge, il bimbo prematuro di 580 gr che ha sconfitto il Coronavirus

Jorge è un bimbo prematuro nato a Lima a sole 23 settimane con il peso di 580 gr, adesso è in incubatrice e ha già sconfitto il Coronavirus.

Jorge, il bimbo prematuro di 580 gr

Il 15 giugno è nato un bambino a Lima, in Perù, che si chiama Jorge e che alla nascita pesava appena 580 grammi. Un bambino che è nato prematuro e a sole 23 settimane, quindi prima di sei mesi, e che aveva anche contratto il Coronavirus dalla mamma. Una situazione complicata che i medici dell’ospedale Edgardo Rebagliati di Lima stanno cercando di gestire al meglio. Il bambino è vivo, è cresciuto e ha anche sconfitto il Covid-19, la strada per lui è ancora lunga ma speriamo che possa riprendersi e crescere come tutti gli altri bambini.

La madre di madre di Jorge si chiama Lissy ed è una ragazza di 27 anni, durante la gravidanza aveva contratto il Coronavirus e era andata in grave preeclampsia, accompagnata dalla sindrome di Hellp. Una situazione molto grave che l’ha costretta a interrompere la gravidanza e a far nascere il suo bambino.

Dopo un parto cesareo lungo e complicato è nato Jorge che è stato immediatamente ricoverato nell’unità di terapia intensiva neonatale e messo in incubatrice. Il bambino respira grazie a un ventilatore polmonare ma i suoi polmoni sono guariti dal covid-19, quindi adesso deve solo crescere e diventare forte.

In questo mese in ospedale il bambino è passato da 580 a 930 grammi, il suo peso è aumentato molto anche se non è ancora abbastanza. Jorge dovrà tenere duro e continuare a crescere nella speranza che i suoi organi possano svilupparsi e lui possa condurre una vita normale.

Nascere prima di sei mesi è molto rischioso e i bambini spesso non riescono a sopravvivere, il parto viene indotto quando la vita della mamma, e di conseguenza anche quella del bebè, sono a rischio.

Auguriamo a Jorge e alla sua famiglia di tornare a casa tutti insieme e avere una vita lunga e felice.

via | noticias.essalud
Foto | Facebook Seguro Social de Salud del Perú - EsSalud

  • shares
  • Mail