Quali sono le carte da gioco per non vedenti pensate dai produttori per i giocatori che purtroppo non hanno l’uso della vista? Per fortuna ultimamente molte aziende stanno pensando di convertire in maniera inclusiva i propri prodotti di punta, per non escludere dal divertimento bambini, ragazzi e anche adulti che altrimenti non potrebbero giocare con i loro amici o in famiglia.

Come ad esempio Mattel, che ha lanciato le carte UNO ufficiali in Braille. Uno Braille è il primo mazzo di carte ufficiali di Uno realizzato con il codice Braille, così da diventare accessibile a milioni di ciechi e di ipovedenti in tutto il mondo. Il nuovo mazzo è stato realizzato in collaborazione con la National Federation of the Blind, organizzazione a stelle e strisce in difesa dei diritti dei non vedenti.

Ogni carta in un angolo presenta il sistema di lettura per non vedenti, per indicare il colore, il numero o la funzione della carta. Il sistema di lettura braille è presente nel pack di UNO sia sul fronte sia sul retro. Ed è stato realizzato anche un sito dedicato, UNOBraille.com, per poter trovare le istruzioni del gioco con BRF (Braille readable files) disponibili per il download. Mentre con Google Home e con Amazon Alexa, i due assistenti vocali più diffusi al mondo, si può accedere al servizio che fornisce le istruzioni vocali tramite i dispositivi.

Ray Adler, Global Head of Games in Mattel, spiega il perché di questa scelta importante e volta all’inclusione:

Con il lancio di UNO Braille, stiamo davvero facendo la differenza per una comunità che sinora non è stata fornita di un gioco a cui sia ciechi che non vedenti possano giocare insieme. Siamo fieri di avere UNO Braille sugli scaffali e rendere UNO più accessibile e più inclusivo per molte più famiglie.

Il Presidente dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Mario Barbuto aggiunge:

L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ha accolto con gioia questo importante progetto che dopo gli Stati Uniti approda anche in Italia, consentendo ai non vedenti e agli ipovedenti di condividere con amici e familiari il tanto amato gioco di carte UNO, capace di far divertire bambini e adulti. L’ambito ludico-ricreativo è fondamentale per il raggiungimento della piena realizzazione delle persone con disabilità visiva. Anche per queste ragioni, abbiamo scelto di siglare un vero e proprio accordo di partnership con Mattel, che ha coinvolto principalmente l’UICI in fase di controllo della correttezza della trascrizione Braille delle sigle riportatesulle carte e della traduzione in italiano della legenda.

Oltre alle carte da gioco Uno per non vedenti, Mattel ha pensato a tante altre varianti oltre alle classiche con cui siamo abituati a giocare:

E lo sapevate che nel 2017 era uscito Uno ColorADD, il primo gioco di carte per i daltonici?

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Giochi Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

Il vero robot di Gundam si muove