Sintomi di gravidanza e pre-mestruali: come riconoscerli?

Alcuni sintomi precoci della gravidanza si possono confondere con quelli tipici della fase premestruale. Vediamo, però, le differenze

Sarò incinta, o mi staranno "solo" per arrivare le mestruazioni? Quante donne, in cerca di un figlio o, al contrario, nel timore di una gravidanza indesiderata, si sono ritrovate a porsi questa domanda? Ciò accade perché alcuni tipici sintomi di gravidanza sono simili a quelli che annunciano l'arrivo del flusso mestruale, e soprattutto quando di figli ancora non se ne hanno, distinguere le due situazioni non è così agevole.

Se è vero, infatti, che una donna nelle prime settimane di gestazione avverte fastidi diventati praticamente proverbiali come le nausee e lo stimolo a fare pipi (che non sono certo sintomi di mestruazioni in arrivo), altri segni del corpo possono essere facilmente confusi.

Hispanic woman sitting on retro sofa

Ecco, di seguito, i principali e come possiamo riuscire a distinguerli (fermo restando che la certezza assoluta ce la può fornire un bel test di gravidanza):


  • Perdite. Prima delle mestruazioni possono verificarsi piccole perdite di sangue, ma quelle che si verificano quando sta iniziando una gravidanza, definite spotting "da impianto", sono più abbondanti, di un colore rosato o marroncino. Anche le perdite bianche aumentano, e appaiono abbonanti, chiare, inodori

  • Gonfiore al seno. Questo è uno dei più chiari indizi di gravidanza. Il seno appare turgido, ipersensibile nella zona dei capezzoli, e la sensazione non diminuisce con i giorni ma aumenta. Anche in fase premestruale il seno appare più gonfio, per "colpa" degli ormoni femminili, in particolare del progesterone che aumenta nel sangue, i quali inducono una maggiore ritenzione idrica, ma questo turgore tende a diminuire e cessa del tutto con l'arrivo del flusso mestruale
  • Aumento del bisogno di fare pipì. Una minzione più frequente è tipica dell'inizio della gravidanza, e quindi può aiutarci a non confonderlo con i sintomi della sindrome premestruale
  • Alterazione di gusto e olfatto. Percepire in modo differente il gusto delle pietanze, l'odore dei cibi e i profumi, con reazioni avverse a stimoli olfattivi e gustativi prima sempre graditi, è un sintomo di gravidanza che non si può confondere con l'arrivo del ciclo quando, al contrario, aumenta la fame nervosa
  • Nausea. Difficilmente la sindrome premestruale comporta l'insorgenza di nausea, che peraltro, al limite, può essere associata al mal di testa nei soggetti predisposti e non certo manifestarsi al mattino a digiuno come accade nei primi tempi della gestazione
  • Stanchezza e sonnolenza. La gravidanza comporta un gran dispendio energetico e quindi la futura mamma si sente stanca e spossata nei primi tempi, ma anche prima dell'arrivo del flusso mestruale questo può capitare

Tuttavia, il principale sintomo di gravidanza è l'amenorrea, ovvero l'interruzione delle mestruazioni, pertanto se siete in dubbio aspettate una settimana-10 giorni almeno di ritardo e poi provate a fare il test.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail