I sintomi dell'asma nel bambino e quali sono le cure

L’asma è una problematica sempre più diffusa nei bambini. Come si può diagnosticare e soprattutto quali sono le cure più efficaci?




L’asma è una malattia e si manifesta soprattutto con difficoltà, anche gravissime, respiratorie. La caratteristica principale di questo disturbo è l’infiammazione dei bronchi, che causa di conseguenza un minore passaggio di aria attraverso le vie aeree e un ridotto scambio di ossigeno nei polmoni. Come si distingue? Intanto bisogna fare attenzione al classico rantolo e sibilo che produce il bambino nel tentativo di immagazzinare aria a sufficienza.

Molto spesso l’asma è accompagnata anche da tosse e dal fiato corto. Attenzione non è detto che questi sintomi ci siano tutti e soprattutto tutti insieme. Potrebbe anche manifestarsi un po’ di tosse. Ecco perché è molto importante diagnosticare o almeno riconoscere la crisi per tempo. Quali sono le cure? Prima di tutto se l’asma ha una componente allergica, è necessario capire quale sia il fattore scatenante e bonificare la casa o tenere il piccolo lontano.

È molto importante fare in modo che l’ambiente domestico sia sempre pulito e non ci siano acari. Utilizzate quindi materiali (a partire dal materasso) ipoallergici. Per quanto riguarda la terapia è ovviamente di carattere farmacologico: si possono utilizzare dei broncodilatatori o dei medicinali al cortisone. Le crisi asmatiche sono un momento difficile sia per i genitori sia per i bambini. È necessario essere tempestivi e dare subito al piccolo il farmaco prescritto. Di solito in questo modo si può evitare di chiamare il medico. Nei casi più gravi ovviamente andate al pronto soccorso.

Via | Ospedale Bambino Gesù

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail