Il Bi Test è un esame diagnostico che viene fatto in gravidanza, tra la decima e la quattordicesima settimana, e altro non è che un esame del sangue, che ci dà informazioni su possibili alterazioni del patrimonio genetico e, in particolare, legate alla Trisomia 21 o alla Sindrome di Down. Solitamente il Bi Test in gravidanza è associato alla translucenza nucale, ma a volte viene proposto come esame a sè stante.

La donna in dolce attesa subirà un normale prelievo di sangue, nel quale verrà calcolato il dosaggio di due proteine, Free Beta-HCG e PAPP-A. I valori ottenuti dalla futura mamma vengono poi comparati con quelli di riferimento. Il risultato, in realtà, è un indice di rischio, non un valore concreto, ma la percentuale di possibilità che ci sono che il nostro piccolo abbia la Sindrome di Down. Purtroppo questo esame non è esente da falsi negativi, che si attestano intorno al 5%.

Il Bi Test negativo per la Sindrome di Down viene considerato tale quando è inferiore alla soglia minima riportata da ogni sintolo laboratorio, mentre valori superiori richiedono ulteriori indagini, come ad esempio test invasivi come l’amniocentesi.

Ovviamente sarà il vostro ginecologo a consigliarvi quale test è migliore per voi, anche in base alla vostra età, a precedenti gravidanze, oltre che alla vostra storia clinica e famigliare.

Foto | da Flickr di goetter

Via | Farmacoecura

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Gravidanza Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

PAW Patrol | Laviamoci le mani insieme