Il vomito nei bambini è un disturbo piuttosto comune, che può essere provocato da diverse cause: il vomito altro non è che l’espulsione del contenuto dello stomaco dall’esofago e della bocca, con una contrazione verso l’alto del diaframma. Prima dell’episodio il bambino può lamentare nausea, mal di stomaco e anche ipersalivazione.

Il vomito nei bambini può essere dovuto ad un’infezione gastrointestinale virale, ad un pasto troppo abbondante, ma anche il mal di testa o vedere un’altra persona vomitare possono indurre nel piccolo lo stesso stimolo. Quando sono piccoli, invece, i bambini soffrono di rigurgito, disturbo che con l’età migliora (se non migliora potrebbe trattarsi di reflusso gastrointestinale acido e necessita dell’intervento del pediatra).

Solitamente il vomito si risolve semplicemente con la dieta e con qualche farmaco che può aiutare il piccolo a stare meglio: ma se il vomito dura per più di 24 ore, se il mal di pancia è forte, se nel vomito c’è sangue o bile, se il piccolo ha mal di testa o ha il collo rigido e se è disidratato, allora meglio chiamare il pediatra.

Se, invece, gli episodi sono sporadici, limitatevi a reidratare il piccolo con piccole quantità di liquidi ogni 10 minuti e a tranquillizzarlo. Cercate di farlo mangiare poco e più spesso, evitando cibi troppo grassi: no ai latticini e ai dolci, meglio optare per pasta e riso in bianco e carne o pesce alla griglia, limitando anche frutta e verdura, preferendo banane e patate lesse.

Foto | da Flickr di philippe put

Via | Vomitobambini

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Salute Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

PAW Patrol | Laviamoci le mani insieme