Espulsione della placenta, come avviene il secondamento

Come avviene l’espulsione della placenta e quali sono gli eventuali rischi dell’ultima fase del parto?

tired young pregnant woman during childbirth

L’ultima fase del parto, quella conclusiva, non è l’espulsione del neonato, ma della placenta. Il termine tecnico è secondamento. In genere avviene dopo 15/30 minuti dalla nascita del bambino e il corpo della donna elimina la placenta grazie alle contrazioni dell’utero. In linea di massima è un passaggio naturale e abbastanza indolore, soprattutto se non sono subentrate lacerazioni.

La placenta viene poi analizzata e controllata. Deve essere intatta. Se l’ostetrica dovesse notare che la placenta non si presenta intera, sarà necessario esplorare la cavità uterina e semmai prevedere un raschiamento. Un’altra cosa importante se il secondamento dopo mezz’ora non avviene naturalmente, il ginecologo o l’ostetrica dovranno intervenire con l’ossitocina o manualmente con una manovra chiamata spremitura, che non è totalmente indolore.

  • shares
  • Mail