Seguici su

Cronaca

Mamme da legare: Timori e problemi dello svezzamento

Ho iniziato lo svezzamento di mia figlia il giorno in cui ha compiuto cinque mesi.

Non avendola allattata al seno, non avevano senso i sei mesi di allattamento esclusivo. Sei mesi esclusivamente di latte in polvere non erano ciò che avevo in mente quando sono rimasta incinta. E, così, ho tirato fuori dalla scatola il set da prima pappa che mi era stato regalato, ho fatto un bel respiro e, dopo aver rimandato il più possibile il momento per paura che sarebbe stato un fallimento, sono entrata con la mia bambina nel mondo dei brodini vegetali.

Mi era stato detto che i bambini tendono a rifiutare il cucchiaino, non sapendo a cosa serva, e a rifiutare il gusto salato. Questo perché non avevano mai visto mia figlia assaggiare il parmigiano. La prima pappa era andata oltre le mie più rosee aspettative, nonostante lo scarso appeal della crema di riso. Ma il giorno in cui ho aggiunto il parmigiano, e dopo un’espressione interdetta durata pochi secondi, ho visto la felicità sul volto della piccola esploratrice del gusto. Ha iniziato a sbattere i piedi sulla sdraietta urlando “Ah! Ah!” in attesa del boccone successivo. Devo dire che nemmeno il discorso della pappa sparsa ovunque è del tutto vero. Se si esclude quella volta in cui ha tossito con la bocca piena, col risultato che tutti immaginate.

L’aggiunta del liofilizzato l’ha incuriosita parecchio, ma l’unico problema è stato con la frutta: assoluto rifiuto per quasi una settimana. Ho iniziato da pere e mele grattugiate, entrambe accolte con una faccia disgustata e labbra serrate. Sembra che, generalmente, la frutta sia ben accetta da parte dei bambini. Generalmente… Forse la bimba era infastidita dal gusto acidulo iniziale e si rifiutava di andare avanti. Alla fine, con pazienza e cantando improbabili e improponibili canzoncine inventate sul momento, un cucchiaino dopo l’altro, abbiamo iniziato anche a mangiare la frutta. Vedere un bambino alla scoperta dei sapori, costruire e manifestare ogni giorno di più le proprie preferenze, è la via più semplice per resistere con pazienza alla piccola guerra quotidiana che si svolge all’ora della pappa. E, detto sinceramente, non peso in modo maniacale ogni ingrediente, ma mi regolo in base ai gusti di mia figlia. Anche se secondo lei, ne sono certa, dovrei aggiungere un paio d’etti di parmigiano.

Foto | Flickr

Leggi anche

mamma abbraccia figlia adolescente mamma abbraccia figlia adolescente
Scuola2 giorni ago

Prepararsi per le gare scolastiche: incoraggiare i bambini

In questo articolo, esploreremo alcune strategie che possono aiutare i genitori a sostenere i propri figli nel processo di preparazione...

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola4 giorni ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...

Bambina con occhiali da sole e orologio Bambina con occhiali da sole e orologio
Accessori4 giorni ago

Guida alla scelta dell’orologio perfetto per il tuo bambino: analogico o digitale?

Regalare un orologio a un bambino è un gesto ricco di significato, un vero e proprio passo verso la crescita....

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola6 giorni ago

Affrontare i problemi di linguaggio a scuola

In questo articolo esploreremo alcuni dei problemi di linguaggio e vedremo qualche consiglio per affrontarli. L’educazione è un diritto fondamentale...

bambini a lezione bambini a lezione
Scuola1 settimana ago

Strategie per migliorare la concentrazione a scuola

In questo articolo, esploreremo alcune delle strategie per migliorare la concentrazione a scuola. La concentrazione è una delle abilità fondamentali...

studentessa stressata studentessa stressata
Scuola2 settimane ago

Come gestire i malumori post-scuola

In questo articolo, esploreremo alcune strategie utili per affrontare i malumori post-scuola. I malumori post-scuola sono un fenomeno comune tra...

autostima dei bambini autostima dei bambini
Scuola2 settimane ago

Sviluppare l’autostima attraverso le attività scolastiche

Scopriamo quali sono le attività scolastiche che possono aiutare a migliorare l’autostima. L’autostima è un aspetto fondamentale per il benessere...

bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione
Scuola2 settimane ago

Parlare di diversità e inclusione con i bambini

In questo articolo forniremo alcuni consigli utili per parlare di inclusione e diversità con i bambini. Parlare di diversità e...

Bambini bici zaino scuola parco Bambini bici zaino scuola parco
Crescita dei figli2 settimane ago

I molteplici benefici della bicicletta per lo sviluppo dei bambini

L’uso della bicicletta fin dai primi anni d’infanzia ha numerosi punti di forza, purché questa attività sia gestita in modo...

adhd adhd
Scuola3 settimane ago

Supportare i bambini con ADHD a scuola

Scopriamo cos’è l’ADHD e come aiutare i bambini a cui viene diagnosticata. L’ADHD, acronimo di Attention Deficit Hyperactivity Disorder, è...

studente universitario che dorme sui libri studente universitario che dorme sui libri
Scuola4 settimane ago

L’importanza del sonno per la prestazione scolastica

In questo articolo esploreremo l’importanza del sonno per la prestazione scolastica e forniremo alcuni consigli. Il sonno è un elemento...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola4 settimane ago

Sostegno per i bambini con difficoltà di apprendimento

I bambini con difficoltà di apprendimento possono affrontare sfide uniche nel loro percorso educativo. L’apprendimento è un processo fondamentale nella...