Squid Game: il vademecum della Polizia con i consigli per i genitori

Sul fenomeno Squid Game è intervenuta anche la Polizia di Stato con un vademecum di consigli dedicati ai genitori per affrontare la situazione

Ricordate che la dicitura VM14 indica che un programma è vietato ai minori di 14 anni, e se doveste venire a conoscenza di bambini o ragazzi che imitano i giochi di Squid Game, informate la Polizia di Stato. Questi sono solo due dei consigli forniti on line dalle autorità della Polizia, che si sono visti costretti a intervenire su una questione davvero incredibile che sta coinvolgendo bambini e ragazzi in tutta Italia.

Nelle ultime settimane non si parla d’altro che della serie Netflix Squid Game, un prodotto creato in Corea del Sud che sta conquistando telespettatori di tutte le età.

Ed è proprio questo il problema: Squid Game non è una serie adatta per tutte le età. Si tratta di una serie destinata a un pubblico di età superiore ai 14 anni, ma nonostante ciò, tanti bambini si sono trovati di fronte allo schermo e l’hanno seguita puntata per puntata, appassionandosi talmente tanto da iniziare ad emulare i personaggi e le scene più crude.

Negli ultimi giorni insegnanti e presidi hanno denunciato un comportamento sempre più preoccupante: bambini e adolescenti “giocano a Squid Game”. Ciò significa che, emulando i personaggi della serie, giocano a “Un, due, tre, stella!” e ad altre attività apparentemente innocue. Peccato che nella serie coreana chi perde in questi giochi viene picchiato o ucciso a sangue freddo. Ed ecco che, sulla scia di una serie che non avrebbero mai neanche dovuto vedere, i bambini iniziano dunque a picchiarsi, a prendersi a schiaffi e ad aggredirsi.

Il fenomeno sta diventando talmente tanto dilagante da aver spinto la Polizia di Stato a creare un vero e proprio vademecum, una serie di consigli per i genitori, affinché i bambini non vengano esposti a simili manifestazioni di violenza.

Squid Game: il vademecum della Polizia di Stato

Vediamo quali sono dunque i punti del vademecum per proteggere i bambini:

  1. Ricordare che la serie Squid Game è classificata come VM 14 (ed è quindi vietata a spettatori di età inferiore ai 14 anni). Questa indicazione è stabilita per motivi ben precisi. I bambini non hanno le competenze, le conoscenze e le capacità di comprendere contenuti tanto violenti. Il rischio è quindi che rimangano turbati dalle immagini, e gli effetti possono manifestarsi sia a breve che a lungo termine.
  2. Se hai dei figli di età superiore ai 14 anni, prima di permettergli di vedere Squid Game prova a dare un’occhiata alla serie, in modo da valutare coscientemente se sia il caso o meno di permettergli di seguire un programma del genere.
  3. Chiedi ai tuoi figli se hanno sentito parlare di Squid Game in classe o con gli amichetti, e chiedi cosa ne pensano in proposito. Parla con i tuoi bambini e ascolta ciò che hanno da dire.
  4. Ricorda ai tuoi figli che ciò che vedono in Tv è frutto di fantasia, e che scene del genere non dovrebbero mai avvenire nel mondo reale.
  5. Se vieni a conoscenza di bambini o ragazzi che giocano in modo violento (anche imitando le scene di Squid Game) non ignorare il problema e segnalalo sul sito www.commissariatodips.it.

I tuoi figli hanno visto Squid Game? E come hai affrontato la questione?

Foto da Pixabay