7 importanti traguardi per lo sviluppo dei bambini

Quali sono i traguardi per lo sviluppo dei bambini? Ecco una lista di piccoli mini-traguardi degni di nota

Parlare, muovere i primi passi, cantare, pronunciare intere frasi, e poi? Quali sono i traguardi dello sviluppo dei bambini? I più famosi, quelli che attraggono maggiori aspettative da parte delle mamme e dei papà di tutto il mondo, li conosciamo molto bene. Alcuni li abbiamo già elencati. La prima parola, i primi passi, la prima volta che fanno la pupù nel vasino, sono tutti momenti molto importanti dello sviluppo di un bambino, ma non sono i soli che contano.

Il tuo piccolo angioletto probabilmente non avrà ancora imparato a reggersi in piedi da solo, ma sta già acquisendo tante altre competenze e capacità che spesso passano inosservate.

La parte divertente è anche questa, scoprire in che modo il nostro piccolo raggiunge i traguardi dello sviluppo.

Ma di quali traguardi stiamo parlando per l’esattezza? In questo articolo potrai trovare una breve lista di competenze e capacità che il tuo bambino dovrebbe acquisire entro i 2 anni di età.

Traguardi dello sviluppo dei bambini

Quelli che troverai elencati di seguito sono solo alcuni dei piccoli traguardi che, in realtà, rivestono un’importanza fondamentale, dei momenti che andrebbero celebrati!

  • 13 – 14 mesi: identificazione delle parti del corpo
  • 14-15 mesi: il bambino inizia a sviluppare il senso dell’umorismo
  • 15 – 16 mesi: inizia a riconoscere la propria immagine allo specchio
  • 17 – 18 mesi: il piccolo impara a ballare
  • 18 – 24 mesi: impara a formulare delle frasi
  • 22 – 24 mesi: inizia a cantare
  • 24 – 26 mesi: impara a saltare.

Naturalmente non tutti i bambini acquisiscono queste competenze alla stessa velocità. Il tuo bambino potrebbe essere in grado di saltare ma allo stesso tempo potrebbe non aver imparato ancora a pronunciare frasi intere o a cantare.

Se dovessi avere qualche dubbio in merito allo sviluppo di tuo figlio e in merito ai traguardi che ha raggiunto o che deve ancora raggiungere, parlane con il suo pediatra, il quale potrà fornirti tutte le informazioni necessarie.

Foto da Pixabay