Ursula von der Leyen è diventata nonna

Ursula von der Leyen è diventata nonna e ha pubblicato su Instagram una foto dolcissima con la sua prima nipotina

Anche i cuori dei politici si sciolgono davanti ai neonati! La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, è diventata nonna per la prima volta e ha condiviso sui social una foto con la nipotina. Un’immagine inedita che ci mostra in una versione affettuosa e dolce una delle donne più potenti dell’Europa.

Ursula von der Leyen è una donna forte che è stata tra le figure più importanti in Europa per la lotta al Coronavirus. Ha preso decisioni difficili, si è esposta e ha sempre detto la sua. Quando è stato necessario, è anche tornata indietro e ha chiesto scusa.

Ursula von der Leyen: la foto con la nipotina

Adesso la presidente della Commissione europea, dismessi per una sera gli abiti da politico tutto d’un pezzo, si concede un po’ di leggerezza. Si mostra in una versione inedita e molto tenera. Ursula von der Leyen ci dimostra che si può essere forti in ambito lavorativo e dolci e affettuosi in famiglia, senza perdere nulla, come spesso ci vogliono far credere.

La foto pubblicata su Instagram è bellissima e nella caption ha aggiunto: “Che momento magico, la mia prima nipotina”.

In effetti appare felice e radiosa come non mai, perché in fin dei conti avere un figlio o un nipotino è la cosa più bella che possa accadere.

La neo nonna Ursula von der Leyen è talmente felice del nuovo arrivo in famiglia, che ne ha parlato anche nel suo intervento all’evento di lancio della Conferenza sul futuro dell’Europa a Strasburgo.

In quell’occasione ha fatto un discorso molto bello e ha dichiarato:

“Un mese fa sono diventata nonna per la prima volta. La prima carezza alla mia nipotina è stato uno di quei momenti che rimettono tutto in prospettiva e ti ricordano cosa è veramente importante nella vita. In quel momento di tenerezza e amore la mia nipotina mi ha mostrato una cosa che non dovremmo mai dimenticare: siamo sempre abbastanza giovani per credere al mondo e sempre abbastanza grandi per fare la differenza. Ecco quello che unisce tra loro le generazioni. Tenendo in braccio la mia nipotina ho fatto quello che fanno tutti i neo genitori e neo nonni. Ho pensato a tutte le possibilità che si apriranno alla mia nipotina. Ho immaginato il mondo nel quale crescerà. Ci saranno ancora foreste e la fauna? O resteranno solo nei libri e nei film? Quale sarà la sua carriera, il suo lavoro, le tecnologie di cui avrà bisogno? E le disparità sociali saranno più pronunciate o no? E l’Europa cosa farà? Cosa difenderà l’Europa? Sarà più rispettosa, più unita o divisa come in passato?”.