Le 5 poesie d'amore per la Festa della Mamma facili da imparare

Per festeggiare la propria mamma nel giorno della sua Festa niente di più appropriato di una poesia d'amore. Eccone 5 adatte ai bambini

Parlare della mamma significa parlare d'amore, un amore profondo e grande come il mare, che non si consuma mai. Tante sono le poesie di autori famosi, sia del passato che del presente, dedicate alla figura materna, e sono una più bella ed emozionante dell'altra.

Per la Festa della Mamma che, lo ricordiamo, si celebra la seconda domenica di maggio, perché, allora, non insegnare ai bambini un componimento poetico tenero e affettuoso, ricco di versi dolcissimi che possano essere recitati davanti alla destinataria, per una dedica molto speciale? Ecco 5 belle poesie, alcune molto note, facili da imparare a memoria e perfette per la Festa della Mamma.
Poesie-Festa-Mamma-amore

  1. Per la mamma
    Mamma per la tua festa,
    ti offro una cesta di baci
    e un cestino di stelle.
    Ti offro un cuscino di fiori,
    su cui posare la testa
    quando sei stanca;
    una fontana di perle
    lucenti, color della luna;
    una ghirlanda di rose
    e una montagna di cose,
    un cuore tanto piccino
    e un amore grande così.
    (Luisa Nason)

  2. Ti voglio bene
    Ho pregato un poeta
    di farmi una poesia
    con molti auguri per te,
    mammina mia;
    ma il poeta ha risposto
    che il verso non gli viene;
    così ti dico solo:
    ti voglio bene!
    (Lina Schwarz)

  3. La madre
    La madre è un angelo che ci guarda
    che ci insegna ad amare!
    Ella riscalda le nostre dita, il nostro capo
    fra le sue ginocchia, la nostra anima
    nel suo cuore: ci dà il suo latte quando
    siamo piccini, il suo pane quando
    siamo grandi e la sua vita sempre.
    (Victor Hugo)
  4. Se fossi pittore
    Non sempre il tempo la beltà cancella
    o la sfioran le lacrime e gli affanni:
    mia madre ha sessant'anni,
    e più la guardo e più mi sembra bella.
    Non ha un accenno, un guardo, un riso, un atto
    che non mi tocchi dolcemente il core;
    ah, se fossi pittore,
    farei tutta la vita il suo ritratto!
    Vorrei ritrarla quando china il viso
    perch'io le baci la sua treccia bianca,
    o quando, inferma e stanca,
    nasconde il suo dolor sotto un sorriso
    Pur, se fosse il mio priego in ciel accolto,
    non chiederei di Raffael da Urbino
    il pennello divino
    per coronar di gloria il suo bel volto;
    vorrei poter cangiar vita con vita,
    darle tutto il vigor degli anni miei,
    veder me vecchio, e lei
    dal sacrificio mio ringiovanita
    (Edmondo De Amicis)
  5. Son tutte belle
    Son tutte belle
    le mamme del mondo... .
    Belle quando vegliano
    il loro tesoro
    e quando lo sollevano
    sulle loro candide braccia.
    Belle quando lo reggono forti
    sul fronte della vita.
    Belle le mamme quando
    leniscono ferite profonde
    e consolano amare delusioni.
    Belle nel loro cuore
    pieno di sogni e di carezze,
    e di ninne nanne d'amore
    (S. Lawrence)

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail