Autunno, le filastrocche facili per i bambini

Ecco le più belle filastrocche per l’autunno da insegnare ai vostri bambini.

Non so voi, ma uno dei ricordi più cari della mia infanzia è senza dubbio quello in cui ripetevo con orgoglio le poesie e le filastrocche. Molte delle poesie imparate durante gli anni della scuola continuo a ricordarle ancora oggi, ed ogni volta mi stupisco piacevolmente nel constatare come certe cose rimangano effettivamente impresse nella memoria. Avete voglia di insegnare ai vostri bambini delle belle filastrocche sull’autunno? Oggi abbiamo deciso di segnalarvene alcune davvero carine, facili da imparare e divertenti.

In autunno, si sa, le belle e lunghe giornate di sole lasciano il posto a giornate più corte, alle prime piogge, i primi freddi .. ed ai primi maglioncini. Personalmente adoro questo periodo dell’anno, quello in cui possiamo riporre il costume in un cassetto ed uscire i pantaloni lunghi.

Se anche per voi è lo stesso, di certo non potrete non apprezzare le filastrocche per l’autunno che abbiamo scelto, filastrocche dedicate alle ultime foglioline rimaste appese sugli alberi, alle prime piogge, alle buonissime caldarroste e a tanto altro ancora.

Qui sotto potrete trovare tante filastrocche per bambini davvero carinissime da insegnare ai vostri volenterosi figli, che di certo le reciteranno con orgoglio davanti ad amici e parenti!

filastrocche per l’autunno



  • Le foglie matte
    Le foglie matte si lasciano andare,
    dal soffio del vento si fan trasportare.
    C’è quella gialla che gioca a palla,
    c'e' quella rossa che fa una gran corsa,
    c'e' quella marrone che fa un bel ruzzolone
    e quella arancione che vola come un aquilone.
    Solo la verde si tiene ben stretta,
    perché di cadere non ha proprio fretta!

  • La castagna
    C’è un frutto rotondetto,
    di farina ne ha un sacchetto;
    se lo mangi non si lagna,
    questo frutto è la …….. castagna.


  • Cadono le foglie
    Cadon le foglie come farfalle:
    ve n'è di rosse, ve n'è di gialle,
    volteggiano un momento
    e partono col vento.
    E la povera pianta: là, nell'aria
    rabbrividisce nuda e solitaria.


  • C’è una foglia

    Su quel ramo c’è una foglia
    che non ha per niente voglia
    di staccarsi, di planare,
    di lasciarsi trasportare,
    dal vento dispettoso
    che non trova mai riposo.
    Quella foglia lo sa già
    prima o poi la staccherà!
    Sta lì, per il momento
    non è giunto ancora il tempo
    di lasciare il suo rametto.
    Ma il vento le dice:
    fogliolina t’aspetto!


  • Ottobre

    Il tuo pennello dipinge
    i boschi e i prati.
    E’ pieno il mio cestello
    di grappoli dorati.
    La castagna e il riccio
    sorridon tra le foglie.
    Viva l’autunno…
    e tutto ciò che si raccoglie.



  • Pioggia
    Tic e tac
    la pioggia cade,
    cade svelta
    sulle strade.
    Balla e canta:
    tic e tac.
    Con l'ombrello
    vo bel bello
    nelle pozze
    a far cic ciac.
    Scendi scendi,
    pioggia bella:
    canta a tutti la novella
    della nuvola piccina
    che s'è sciolta stamattina.

via | Fantasiaweb.it

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail