Seguici su

Cronaca

Mamme da legare: Arrivano i capricci: scene madri, melodrammi, tragedie

Sapevo che questo giorno sarebbe arrivato, anche se speravo in un miracolo: mia figlia ha iniziato a fare i capricci.

Gradualmente ma con costanza, ha iniziato a imporre la propria volontà, che per una bambina di meno di due anni significa sostanzialmente protestare se la si fa scendere dalla pila di oggetti costruita per arrivare ai ripiani più alti dei mobili. Non penso di proibire molte cose, a mia figlia: è libera di impastare terra, svuotare cassetti e trasferire pinze per il bucato da una stanza all’altra. Cerco di dirle “no” solo per poche cose, per evitare che, tra tanti divieti, finisca col non rispettarne nessuno. Ma la storia delle torri pendenti di giocattoli e pentole rischia di diventare pericolosa.

Così, le dico un “no” secco, la faccio scendere e le demolisco la scaletta improvvisata. Il risultato lo conoscete tutte: tragedie senza fine. La bambina si lancia per terra disperata, piange, strilla e mi urla chissà che nella sua lingua. Io mi siedo in silenziosa e paziente attesa delle forze dell’ordine e dei servizi sociali, convinta che, prima o poi, i vicini li chiameranno temendo che stia picchiando mia figlia con uno scudiscio.

Ringraziando i santi e le divinità protettrici delle madri, la bambina si distrae facilmente: spesso basta che le allunghi le formine per i muffin e si calma. Ma non è sempre così semplice: a volte il suo pianto mi blocca come se dovessi attraversare la strada di sera con gli occhi pieni di atropina (non vi è mai capitato? Meglio così). Resto ferma e mi ripeto: “Ma non è possibile: che le ho fatto?”. Altre volte piange così tanto da cadere addormentata, distrutta (e questo non è necessariamente un male). Il problema è che sembra avere queste reazioni solo con me, facendomi apparire agli occhi di amici e parenti come pazza. Passando tanto tempo insieme, la diavoletta cerca di capire quanto in là si può spingere con la signora che si chiama “mamma”.

Al momento fuori casa ancora non si esibisce in scene madri ma, qualche sera fa, al ristorante, per la prima volta è stata incontenibile. Il mio compagno era visibilmente a disagio, anche perché eravamo di quelli che, quando mangiavano fuori casa, prendevano il tavolo agli antipodi degli eventuali bambini. Ma io avevo una sorta di perfida tranquillità: “Tesoro, non ti preoccupare: chi non ha ancora figli li avrà. E saprà”.

Foto | Flickr

Leggi anche

Mamma e figlio che fanno i compiti a casa Mamma e figlio che fanno i compiti a casa
Scuola2 ore ago

La matematica a casa: rendere divertente l’apprendimento

Ecco qualche consiglio per rendere la matematica divertente e coinvolgente anche a casa. La matematica è spesso considerata una materia...

Bambina con occhiali da sole e orologio Bambina con occhiali da sole e orologio
Accessori22 ore ago

Guida alla scelta dell’orologio perfetto per il tuo bambino: analogico o digitale?

Regalare un orologio a un bambino è un gesto ricco di significato, un vero e proprio passo verso la crescita....

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola2 giorni ago

Affrontare i problemi di linguaggio a scuola

In questo articolo esploreremo alcuni dei problemi di linguaggio e vedremo qualche consiglio per affrontarli. L’educazione è un diritto fondamentale...

bambini a lezione bambini a lezione
Scuola5 giorni ago

Strategie per migliorare la concentrazione a scuola

In questo articolo, esploreremo alcune delle strategie per migliorare la concentrazione a scuola. La concentrazione è una delle abilità fondamentali...

studentessa stressata studentessa stressata
Scuola1 settimana ago

Come gestire i malumori post-scuola

In questo articolo, esploreremo alcune strategie utili per affrontare i malumori post-scuola. I malumori post-scuola sono un fenomeno comune tra...

autostima dei bambini autostima dei bambini
Scuola1 settimana ago

Sviluppare l’autostima attraverso le attività scolastiche

Scopriamo quali sono le attività scolastiche che possono aiutare a migliorare l’autostima. L’autostima è un aspetto fondamentale per il benessere...

bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione bambina che sorride guardando il mappamondo e tanti manichini uniti, concetto di inclusione
Scuola2 settimane ago

Parlare di diversità e inclusione con i bambini

In questo articolo forniremo alcuni consigli utili per parlare di inclusione e diversità con i bambini. Parlare di diversità e...

Bambini bici zaino scuola parco Bambini bici zaino scuola parco
Crescita dei figli2 settimane ago

I molteplici benefici della bicicletta per lo sviluppo dei bambini

L’uso della bicicletta fin dai primi anni d’infanzia ha numerosi punti di forza, purché questa attività sia gestita in modo...

adhd adhd
Scuola2 settimane ago

Supportare i bambini con ADHD a scuola

Scopriamo cos’è l’ADHD e come aiutare i bambini a cui viene diagnosticata. L’ADHD, acronimo di Attention Deficit Hyperactivity Disorder, è...

studente universitario che dorme sui libri studente universitario che dorme sui libri
Scuola3 settimane ago

L’importanza del sonno per la prestazione scolastica

In questo articolo esploreremo l’importanza del sonno per la prestazione scolastica e forniremo alcuni consigli. Il sonno è un elemento...

bambino in difficoltà mentre studia bambino in difficoltà mentre studia
Scuola3 settimane ago

Sostegno per i bambini con difficoltà di apprendimento

I bambini con difficoltà di apprendimento possono affrontare sfide uniche nel loro percorso educativo. L’apprendimento è un processo fondamentale nella...

bambino e mamma che compilano il calendario bambino e mamma che compilano il calendario
Scuola4 settimane ago

Insegnare ai bambini l’importanza della puntualità e dell’organizzazione

La puntualità e l’organizzazione sono due abilità importanti, ecco qualche consiglio per insegnarle ai bambini. Insegnare ai bambini l’importanza della...