Le filastrocche sui mesi dell'anno da insegnare ai bambini

Alcune simpatiche filastrocche dedicate ai 12 mesi dell'anno da insegnare ai bambini

Ricordate la popolare filastrocca sui mesi dell'anno che ci insegnavano da bambini per imparare a memoria quanti giorni avesse ciascuno? Proviamo a recitarla insieme:

30 giorni ha novembre, con april, giugno e settembre. Di 28 ce n'è uno,
tutti gli altri ne han 31

E' sempre la stessa filastrocca che ci torna alla mente quando inizia un nuovo mese dell'anno e vogliamo ricordarci se ha 31 giorni o 30... Insomma, davvero una rima facile quanto utile.

Filsatrocche-mesi

Ma di filastrocche sui 12 mesi dell'anno da insegnare ai nostri bimbi ce ne sono tantissime, alcune piccole poesie d'autore, altre assimilabili a ritornelli popolari. Vediamone alcune tra le più semplici adatte ai bambini e perfette anche da associare ad un bel calendario fai da te. Cominciamo con una filastrocca carinissima che accorpa tutti i mesi come fossero tanti figlioletti di papà anno, e poi andiamo avanti con gennaio, febbraio, marzo...

L'anno e i suoi 12 figlioletti

I suoi dodici mesetti,
tutti un po' capricciosetti,
veste l'anno con gran cura
e nessuno ne trascura.
Dà a Gennaio un cappuccetto,
a Febbraio un ombrelletto,
mette a Marzo un mantellino
ad Aprile un giacchettino.
Mette a Maggio i sandaletti
ed a Giugno zoccoletti
ha per Luglio un costumino
per Agosto un cappellino.
A settembre dà un golfino
ad Ottobre un grembiulino
a Novembre gli scarponi,
a Dicembre i calzettoni

Gennaio

Io sono dell'anno
il primo mese
ed un inchino
vi fo cortese.
Son triste, squallido,
son freddo tanto,
e il monte e il piano
di neve ammanto.
Pur son benefico...
Vi sembra strano?
Sotto la neve
germoglia il grano
(G. Ferrara)

Febbraio

E’ febbraio un monellaccio,
molto allegro e un po’ pagliaccio
per le piazze e per le sale,
accompagna il Carnevale
se fra i mesi suoi fratelli,
ve ne sono di più belli
il più allegro e birichino,
sempre è lui, il più piccino

Marzo

Nel fiato di marzo la neve
diventa ruscello che ha fretta
e tutta la terra ne beve
per fare più fresca l’erbetta
che trema per nulla, stupita,
che sia così bella la vita
(Renzo Pezzani)

Aprile

Io sono Aprile
e sono il più gentile,
tutti gli alberi li faccio fiorire,
tutti gli uccelli li faccio cantare,
giovani e vecchi faccio rallegrare

Maggio

Maggio, sempre cortese,
è il mese delle rose:
porta dolci sorprese
e promesse festose.
Passa ovunque gradita
un’aria profumata:
ride, paga di vita,
ogni cosa creata
(M.R. Messina)

Giugno

In campagna, ai solleoni,
già s'ammucchiano i covoni
Nella scuola ride e danza,
il pensier della vacanza...
(A. Malfatti)

Luglio

Nel mese di Luglio
tutto il caldo scende in Puglia,
canta il grillo, canta la quaglia,
tutte l’erbe diventano paglia

Agosto

Io sono agosto e sono il più galante,
asciugo i fossi e taglio le piante:
se non avessi già il campo vangato
sarei da tutti poltrone chiamato.
Porto le more e le notti belle,
a San Lorenzo il pianto di stelle
e per l’Assunta piccioni arrosto,
perdo la rondine il dì di San Rocco

Settembre

Io son settembre, il mese cortese,
ai poverelli rifaccio le spese;
bagno le botti, porto le mele,
i fichi, l'uva ed ogni piacere.
Io porto chiacchiere alle lunghe veglie,
di starne e lodole riempio le teglie;
onoro l'angelo Michele e Maria,
e parto il giorno di santa Sofia

Ottobre

Il tuo pennello dipinge
i boschi e i prati.
E’ pieno il mio cestello
di grappoli dorati.
La castagna e il riccio
sorridon tra le foglie.
Viva l’autunno…
e tutto ciò che si raccoglie

Novembre

E’ triste questo mese!
Nella campagna spoglia
trema sui rami, appesa,
qualche ingiallita foglia!
Nei prati brulli e arsicci
lassù sulle montagne,
sgusciano fuor dai ricci
le lucide castagne
(Bruno Grella)

Dicembre

E' dicembre,
freddo e gelo,
fischia il vento giù dai monti,
l'acqua è ghiaccia nelle fonti,
ma se il tempo è così freddo
cosa importa?
Fra gli alari,
negli sperduti casolari,
brilla il fuoco,
lietamente tutti aspettano
il Natale.
Una grande luce s'accende
ed annuncia al mondo intero
che Gesù, bambino è nato.
tanti doni ci ha portato

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail