Avvelenamento nei bambini: i prodotti domestici a cui fare attenzione

Avvelenamento nei bambini, quali sono i prodotti domestici che dobbiamo tenere fuori dalla loro portata perché altamente pericolosi per la salute dei più piccoli?

Avvelenamento nei bambini

L'avvelenamento nei bambini può portare, nei casi più gravi, anche alla morte. Non è un caso se di solito si consiglia di tenere fuori dalla portata dei bambini medicinali e detersivi, che possono essere facilmente ingeriti dai bambini in maniera accidentale. Proprio recentemente è stato lanciato l'allarme delle pastiglie per la lavatrice, scambiate per caramelle.

I veleni possono essere ingeriti, possono essere inalati, come nel caso degli insetticidi, che possono passare anche attraverso la pelle. I sintomi più comuni dell'avvelenamento nei bambini sono sonnolenza, perdita di coscienza, vomito, nausea, diarrea, possibili convulsioni, ma anche labbra bruciacchiate, se il veleno è stato ingerito.

Sono tantissime le sostanze potenzialmente dannose che possiamo trovare con facilità nelle nostre case: i farmaci possono essere pericolosi, ma anche i detersivi liquidi o i detersivi in polvere per lavatrici e lavastoviglie, i prodotti per la pulizia della casa (spray igienizzanti, prodotti con candeggina, scioglicalcare, ammoniaca, antiruggine), gli insetticidi, i fertilizzanti, i solventi. Anche saponi, shampoo o altro se ingeriti possono causare alcuni sintomi dell'avvelenamento. Occhio anche ad alcune piante, come l'oleandro, che possono essere molto tossiche.

Cosa fare? Correre subito al pronto soccorso, dando agli operatori sanitari tutte le informazioni utili sul possibile veleno ingerito dai bambini. Sarebbe anche utile tenere a portata di mano il numero del più vicino Centro Antiveleni, per chiedere informazioni.

Via | Angelini

  • shares
  • Mail