Esame terza media 2018, che cos’è il testo argomentativo?

Oltre al tema, il bambino potrà scegliere tra riassunto e testo argomentativo. In che cosa consiste?

Esami di terza media appena sufficienti? Probabile bocciatura alle superiori

L’esame di terza media 2018 cambia e si rinnova. Il famoso tema, non sarà più solo nella sua forma tradizionale, perché i bambini potrebbero essere chiamati a misurarsi anche con il riassunto e il testo argomentativo. Che cos’è? Questo è quanto richiesto ai ragazzi, secondo quanto scritto nel Documento di orientamento per la redazione delle tracce della prova scritta di italiano per l’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione del Miur:

«Argomenta in forme semplici il bambino che esprime motivatamente una sua opzione; argomenta in forme più articolate, ma pur sempre elementari, lo studente che cerca di giustificare le proprie scelte. Per tali ragioni lo studente dovrebbe essere educato, con attenta gradualità, a motivare in forme sempre più complesse le proprie prese di posizione».

I bambini quindi dovrebbero arrivare all’esame in grado di argomentare le proprie motivazioni e le proprie scelte. È un passaggio non solo culturale ma di maturità. Il Miur ha inoltre aggiunto:

«Lo studente potrà sviluppare un testo argomentativo nel quale, dati un tema in forma di questione o un brano contenente una tematica specifica, esporrà una tesi e la sosterrà con argomenti noti o frutto di convinzioni personali. Il testo dovrà essere costruito secondo elementari procedure tipiche del testo argomentativo, eventualmente con l’esposizione di argomenti a favore o contro. Il lessico dovrà essere appropriato, e lo sviluppo rigoroso e coerente. Nella traccia dovranno essere richiamate caratteristiche e procedimenti propri dell’argomentare».

In che forma dovrà essere scritto? Il bambino può scegliere di realizzare un dialogo tra due interlocutori con opinioni diverse, di sviluppare di una tesi opposta a quella proposta dalla traccia, di scrivere il verbale di una discussione che deve portare a una decisione o di scrivere un testo in cui si spiega un punto di vista diverso rispetto a quello dato nel testo di partenza. Insomma, non è poi così facile, soprattutto ben un bambino di terza media.

  • shares
  • Mail