In Oceania sull'isola di Nauru detenuti 119 bambini: l’accusa è di violazione dei diritti umani

In Oceania sull'isola di Nauru sono detenuti 119 bambini che sono parcheggiati lì per contenere l’immigrazione clandestina in Australia. L’accusa è di violazione dei diritti umani.

Migranti Isola di Nauru

Viviamo in un mondo in cui non si guarda più in faccia nessuno, nemmeno i bambini. In Oceania, sull'isola di Nauru, sono detenute 240 persone tra cui 119 bambini, che vivono in condizioni disumane, la loro colpa è quella di essere degli immigrati e dato che in Australia la legge non permette sbarchi, sono stati abbandonati lì. Come è accaduto in America con gli immigrati al confine con il Messico, e da noi in Italia con le navi piene di persone a cui viene vietato lo sbarco, anche dall’altra parte del mondo la strategia è sempre la stessa.

Il centro di Nauru è da tempo sotto i riflettori per le pessime condizioni in cui versano queste persone, soprattutto i bambini che spesso sono abbandonati a se stessi, senza genitori e familiari, e senza l’accesso a delle cure mediche. Un ragazzino di 12 anni da 2 settimane sta facendo lo sciopero della fame, è gravemente malato e non lo stanno aiutando in nessun modo.

L’amministratore delegato di World Vision Australia, Claire Rogers, ha dichiarato:

“Molti di loro hanno vissuto per anni in tendolpoli, sono stati separati da familiari stretti e non hanno un posto sicuro dove giocare o accedere a cure mediche accettabili”.

Claire Rogers

Le cose che succedono lontano dai nostri occhi, accadono ugualmente, e anche se ci giriamo dall’altra parte non vuol dire che si possano ignorare. 30 ong australiane hanno lanciato un appello per chiedere allo Stato di liberarli e offrigli delle cure e una vita dignitosa.

La notizia è stata diffusa dalla Cnn e ha conquistato l’attenzione dei media di tutto il mondo, è stato lanciato il movimento online: #KidsOffNauru (Via i bambini da Nauru) per chiedere al Governo di trasferire queste persone in luoghi più adatti e curarli.

Gli immigrati si trovano a Nauru per arginare il problema dell’immigrazione clandestina in Australia, a fronte di un pagamento di 10 milioni di dollari l’Oceania ha “sacrificato” quest’isola per parcheggiare questa povera gente.

L’accusa per l’Australia è di violazione dei diritti umani, speriamo che trovino una soluzione, è assurdo permettere a delle persone e a dei bambini di vivere così.

Foto | cnn
Via | ilgiornale

  • shares
  • Mail