Foligno, maestro fa voltare un bambino nero: “Sei brutto, non posso guardarti”

Maestro ha messo di spalle un bambino di colore per evitare di guardarlo in faccia: secondo il docente è un esperimento sociale, i genitori però si sono giustamente infuriati.

compagni di classe

Un bambino nero è stato costretto, da un maestro di una scuola elementare di Foligno, a voltarsi verso la finestra. Perché? La motivazione data ai piccoli è stata: “è troppo brutto per essere guardato in viso”. Ovviamente, il maestro è corso subito al riparo e ha tentato di placare l’indignazione dei genitori sostenendo fosse un esperimento sociale.

Questo, purtroppo, non è neanche un episodio isolato, perché si è ripetuto con le stesse modalità nella classe di un’altra bimba nera, la sorellina maggiore del piccolo. Ma che cosa è davvero successo:

“Ma che brutto che è questo bambino nero! Bambini, non trovate anche voi che sia proprio brutto? Girati, così non ti devo guardare”.

Avrebbe detto il maestro, secondo i racconti riportati dai genitori, disegnando un segno sul vetro e costringendo il bambino a fissarlo, dando le spalle alla cattedra. Il maestro sostiene che si tratti di un esperimento sociale: sta cercando di far capire ai bambini quanto sia ingiusto un comportamento visibilmente razzista. La motivazione può anche essere sensata, è l’applicazione che però non trova giustificazioni. I genitori si sono anche rivolti a un legale.

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail