Sgombero di Primavalle, crowdfunding per pagare gli studi al bambino con i libri

Grazie a un crowdfunding online e alla generosità di tanti, il bambino coi libri dello sgombero di Primavalle ha l'istruzione assicurata.

libri

Rayane, l'ormai famoso bambino coi libri dello sgombero di Primavalle, potrà continuare gli studi. La foto del bambino che lasciava la sua casa con in mano i suoi libri per studiare ha fatto il giro del web. Molti si sono commossi nel vedere quelle immagini che stridevano con la manifestata urgenza di svuotare la sua abitazione, con tanto di agenti in tenuta antisommossa che lo guardano. Lui non ha voluto lasciare i suoi libri. E ora potrà continuare a studiare grazie alla generosità di molti.

L'associazione Famiglie accoglienti di Bologna, infatti, ha deciso di lanciare un crowdfunding, una raccolta fondi che potete trovare qui: i soldi raccolti serviranno al bambino di origine marocchina per poter continuare a studiare. In pochi giorni 60 donatori hanno permesso di raccogliere quasi 3mila euro.

Il professor Fabrizio Tonello dell’associazione Famiglie accoglienti, spiega:

Rayane vuole studiare, ha promesso alla sua professoressa di matematica di laurearsi. Abbiamo lanciato questa campagna di sostegno per permettergli di continuare gli studi. Oggi ma anche domani: alle medie, alle superiori, all’università. Rayane, come tutti i bambini stranieri o rom, ha diritto di studiare.

Questo si legge nella pagina di raccolta fondi, dove si sottolinea che il diritto allo studio è sancito dalla nostra Costituzione. Anche se c'è chi lo vuole cancellare: l'associazione e tutti i benefattori che stanno condividendo in queste ore, invece, lo difendono a spada tratta, come difendono il diritto di avere una casa, denunciando l'emergenza abitativa che oggi coinvolge in egual misura italiani e stranieri.

I soldi raccolti non serviranno solo per aiutare Rayane, ma anche tutti gli altri bambini coinvolti nello sgombero di Primavalle e che oggi si trovano in abitazioni di fortuna, non sapendo cosa riserverà loro il futuro. In questo modo a settembre potranno essere pronti per andare a scuola, grazie all'associazione Nonna Roma che assisterà e aiuterà tutti i bambini come Rayane sul territorio romano.

  • shares
  • Mail