Le filastrocche per stimolare il linguaggio nei bambini

Far ripetere le filastrocche ai bambini costituisce un valido aiuto per stimolarne il linguaggio: eccone tre

Le filastrocche per stimolare il linguaggio Utili per stimolare il linguaggio sono le filastrocche: rientrano tra le attività più “leggere” nelle quali poter coinvolgere i bambini.

Così come i giochi educativi per stimolare il linguaggio, anche le filastrocche risultano efficaci, con il vantaggio di influire anche su altre capacità, come quella mnemonica ad esempio.

Le filastrocche  favoriscono anche la concentrazione e l’arricchimento del lessico dei piccoli (non è mai troppo presto per imparare parole nuove e magari un tantino più impegnative).

Di seguito tre filastrocche per bambini in rima per insegnare a parlare ai bimbi e per spingerli, quando magari preferiscono comunicare a gesti, a pronunciare ed apprendere nuove parole. Il loro vocabolario si arricchirà di termini più o meno ricercati: ciò costituirà un vantaggio quando si troveranno sui banchi di scuola.

Filastrocca della felicità


Basta poco per esser felici
un gattino, un gioco, gli amici
un gelato, o un giro in bici.
La merenda nello zainetto
i nonni, i colori nel cassetto
la TV, la palla sotto il letto.
Anche quando non è tutto bello
per esser contenti basta volerlo
e col sorriso di mamma e papà
subito torna la felicità!

Filastrocca del pulcino


Lunedì chiusin chiusino,
Martedì bucò l’ovino,
sgusciò fuori Mercoledì,
“Pio, pio, pio” fe’ Giovedì,
Venerdì fu un bel pulcino,
Beccò Sabato un granino.
La Domenica mattina
aveva già la sua crestina.

Il codino del topino


Il codino di un topino
fuor da un buco un dì spuntò.
Venne il gatto quatto, quatto,
e coi denti l’afferrò.
Il topino, poverino,
pianse e si disperò.

Proprio allora, questa è bella,
un gran cane capitò
ed il gatto, quatto, quatto,
impaurito se ne andò.
Il topino il suo codino
dentro al buco ritirò.


Via | Filastrocche.it

  • shares
  • Mail