Quanto costa il latte artificiale Plasmon e quando darlo

latte artificiale Plasmon

Il latte artificiale Plasmon è consigliato dal sesto mese. Come per tutti gli altri prodotti di questo tipo, sulle confezioni leggiamo che per i neonati l’allattamento materno è da preferire, ma nel caso non sia sufficiente allora, sempre su consiglio del pediatra, si può ricorrere a latte artificiale. In questo caso il latte Plasmon non va bene per i bimbi appena nati, ma per quelli che cominciano ad essere svezzati.

Il latte di proseguimento Plasmon, infatti, è adatto a coprire le esigenze dei bambini dal sesto mese in poi: prima dell’anno di vita non si può introdurre il latte vaccino (salvo diverso suggerimento da parte del proprio pediatra), quindi è consigliabile, in caso di assenza di latte materno, di quello di proseguimento.

I latti di proseguimento Plasmon sono disponibili in diversi formati e formulazioni, che sono adatte ai fabbisogni nutrizionali dei lattanti nel delicato periodo dello svezzamento. Le formulazioni seguono le indicazioni internazionali legate all’alimentazione per i bambini di questa età. Ovviamente i dosaggi vanno chiesti al proprio pediatra, seguendo invece le istruzioni di utilizzo contenute all’interno della confezione: leggete bene le modalità d’uso, per evitare problemi con il latte che andate a preparare ai vostri bambini.

Alcune delle formulazioni di latte Plasmon le possiamo trovare in vendita anche sul sito internet del produttore (come il Transilat 2 in polvere 800 grami in vendita al prezzo di 10,99 euro, più la spedizione), oltre che nei supermercati, dove troviamo anche tutti gli altri prodotti del gruppo Plasmon, e nei negozi di puericultura.

Via | Plasmon

  • shares
  • Mail