Le poesie napoletane per la Festa del papà

Tra i tanti modi di festeggiare il proprio papà nel giorno della sua festa ci sono anche le poesie: ecco alcune delle più belle direttamente dalla tradizione napoletana


Per festeggiare il proprio papà in occasione della sua festa i bambini hanno a disposizione parecchi modi. Oltre i lavoretti creativi, che li vedono sempre entusiasti, un'alternativa è rappresentata dalle poesie, che potranno imparare a memoria e recitare proprio il 19 Marzo.

La tradizione napoletana, a questo proposito, ne è ricca. Alcune sono parecchio lunghe, e si prestano ad una lettura insieme ai bimbi, altre sono più brevi e possono essere imparate senza difficoltà.

Leggere le poesie napoletane dedicate al papà, ricche di sentimenti e di emozioni positive, rappresenta un ottimo modo per rafforzare il legame con i propri figli oltre che con la terra di origine, che viene fuori anche attraverso la letteratura. Ecco, di seguito, alcune delle più belle.

La prima s’intitola "O pate" e porta la firma del grande Eduardo de Filippo, uno dei maggiori esponenti della cultura italiana del 900. La seconda, invece, è dedicata a Marzo, notoriamente mese della Festa del papà. E per concludere, il testo di una canzone che è pura poesia "Tu si' 'na cosa grande", di Modugno.

Ogni papà che si veda dedicate tali frasi ricche di amore e di affetto non potrà non commuoversi: quale migliore regalo da fare al proprio?

O pate di Eduardo de Filippo

Pe tutta a vita st’Omme te sta accante,
e tu, a stiente, t’accuorge che sta llà,
p’e figlie fa ‘e tutto, e nun se vante,
e soffre spisso senza mai parlà.

E comme a S. Giuseppe, zitto e muto,
s’abbraccia ‘a croce e fa ‘o vulere ‘e Dio:
fatica, prega e resta scanusciuto,
e quanno chiagne…chiagne,
t’ ‘ dich’io!

Si pure tene ‘mpietto nu dolore,
‘o stesso, p’a fatica, esce ‘a matina;
p’ ‘a famiglia, è ‘nu martire d’ammore,
all’ufficio, a ‘o negozio o all’officina.

Te vò bene e t’ ‘o dice quasi maje,
te fa l’elogio, si nun staje presente;
te vase ‘nfronte quanno a durmi’ staje;
pe’ na carezza, gode veramente.

Si te richiama, o’ ffa pè vero amore;
pè te dà gioia, soffre tutt’e’ ppene;
e ogni ghiuorno se consuma ‘o core,
pecchè è pate, è vecchio i è piccerillo.

Salutalo quante jesci e quante tuorne,
e falle qualche vòta ‘na carezza:
t’accuorgi ampressa ca te gira attuorne,
suspiruso e te fa ‘na tenerezza.

‘O bene che fa ‘o pate l’annasconne,
pecchè è ommo…e ll’omme accussì fa:
quanne ‘o figlio se sceta ‘a dint’ ‘o suonne,
quanno sposa e addeventa isso Papà.

Marzo di Salvatore Di Giacomo

Marzo: nu poco chiove
e n’ato ppoco stracqua:
torna a chiovere, schiove,
ride ‘o sole cu ll’acqua.
Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera:
mo d’’o vierno ‘e tempesta,
mo n’aria ‘e primmavera.
N’ auciello freddigliuso
aspetta ch’esce ‘o sole:
ncopp’’o tturreno nfuso
suspireno ‘e vviole.
Catarì!…Che buo’ cchiù?
Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu ‘o ssaie, si’ tu,
e st’ auciello songo io.

Tu si' 'na cosa grande di Domenico Modugno

Tu si'
'na cosa grande pe' mme,
'na cosa
ca me fa 'nnammura',
'na cosa
ca si tu guarde a mme,
me ne moro accussi'
guardanno a te.
Vurria sape'
'na cosa da te,
pecche' quann'io
te guardo accussi',
si pure
tu te siente muri',
nun m''o dici
e nun m''o fai capi'
ma pecche'?
E dillo
'na vota sola...
si pure
tu stai tremanno,
dillo ca me vuo' bene...
comm'io, comm'io,
comm'io voglio bene a te.
Tu si'
'na cosa grande pe' mme',
'na cosa
ca tu stessa nun sai,
'na cosa
ca nun aggio avuto mai,
nu bene accussi',
accussi' grande!
E dillo
'na vota sola...
si pure
tu stai tremanno,
dillo ca me vuo' bene...
comm'io, comm'io,
comm'io voglio bene a te.
Tu si'
'na cosa grande pe' mme',
'na cosa
ca tu stessa nun sai,
'na cosa
ca nun aggio avuto mai,
nu bene accussi',
accussi' grande!
Accussi' grande,
accussi' grande!

O' Faro
Se dinto o' core tuo
io putesse trasì
truvarria certamente
o' bene ca dico io.
Nu bbene appassiunato
ca nun se vede da fora,
chillo me fa sentì
sicuro e forte ancòra.
Oggi che è a festa toia
te voglio dì papà:
chello ca 'mpietto palpita
te pote cunsulà.
Tu brill nmiezzo a o' mare
e io son a varchetella
ca s'adda arreparà.
Riest alluminato sempre
faro da vita mia.
Sulo accussì sto core
a via non perdarrà.

 

Foto | Flickr

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail