Il Coronavirus torna a spaventare l’Italia, ma c’è una buona notizia. I bambini si ammalano meno: l’immunità raggiuge livelli massimi in età scolare, tra i 4 e i 15 anni. Il declino fisiologico inizia dunque durante l’adolescenza e il tasso di letalità di un’infezione da Covid-19 aumenta dai 40 anni in poi.

Studio della scuola di igiene e malattie tropicali di Londra

A sostenere questa tesi è un lavoro condotto dalla scuola di igiene e malattie tropicali di Londra e apparso su Scientific Data. Il team ha analizzato 140 insiemi di dati provenienti da diversi tipi di studi e relativi a 32 malattie infettive,  9 virali e 13 batteriche.

Secondo quanto si apprende da questo studio, i bambini da 0 a 4 anni hanno un sistema immunitario fragile, perché ancora in via di sviluppo. Loro sono l’anello debole. Poi, durante la prima infanzia sono particolarmente forti e in grado debellare le infezioni, fatta eccezione della sola dengue che colpisce gravemente i bambini.

I bambini si ammalano meno di covid-19

Coronavirus e bambini

Il Covid-19 colpisce meno i bambini, ciò non vuol dire che non siano esposti alla malattia e che questa malattia non sia pericolosa. L’epidemiologa Judith Glynn, ha però spiegato:

“Sapevamo che con l’età avvengono dei cambiamenti nei marcatori immunitari. Ma la maggior parte degli studi finora si sono concentrati sugli adulti in là con gli anni. Dove li si è andati cercare, però, tali cambiamenti sono stati trovati anche nelle fasce di popolazione più giovani. I nostri risultati suggeriscono che il picco della risposta immunitaria viene raggiunto durante l’età scolare e quindi inizia a diminuire molto prima di quanto si pensi attualmente, in alcuni casi già a partire dai 15 anni”.

 

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Salute Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

PAW Patrol | Laviamoci le mani insieme