Quaresima per bambini, la storia da raccontare ai piccoli

Quaresima per bambini, la storia da raccontare ai piccoli per far capire loro il profondo significato che si nasconde dietro.

Quaresima per bambini: se state cercando un modo per farne capire il significato ai vostri figli, questa storia da raccontare ai piccoli di casa è perfetta. La Quaresima è un periodo di preparazione alla Pasqua nel quale non solo dovremmo pentirci dei nostri peccati, ma anche cercare di redimerci, di riavvicinarci a Dio, magari compiendo delle buone azioni. Così come quella che questa storia sulla Quaresima racconta.

Storia sulla Quaresima: Il ponte

Non molto tempo fa, due fratelli che vivevano in due fattorie adiacenti iniziarono a litigare per la prima volta in 40 anni. Dopo anni di lavoro fianco a fianco condividendo macchinari e scambiando continuamente raccolti e merci. Questa lunga collaborazione andò, così, a pezzi. Iniziata con un piccolo malinteso, crebbe una grande indifferenza tra loro, fino a quando esplose in uno scambio di parole dure, seguite da settimane di silenzio.

Quaresima per bambini, la storia da raccontare ai piccoli

Una mattina qualcuno bussò alla porta di Luigi, il più grande dei fratelli. Aprendo la porta, l’uomo si trovò davanti un signore con attrezzi da falegname. “Sto cercando un lavoro da qualche giorno”, disse lo sconosciuto. Luigi rispose: “Ok, ho un lavoro per te.” Guarda dall’altra parte del fiume in quella fattoria, il mio vicino vive lì, beh, in realtà è mio fratello minore.
“La scorsa settimana c’era un bel prato tra noi e lui ha preso il suo trattore e ha deviato il corso del fiume in modo che ci separasse”.
“Beh, avrei potuto arrabbiarmi, ma farò di meglio. Vedi quel mucchio di rottami di legno vicino al fienile? Voglio che tu costruisca una recinzione, una recinzione alta 2 metri, non voglio più vederlo.” Il falegname disse: “Penso di aver capito la situazione“.

Il fratello maggiore aiutò quindi il falegname a raccogliere tutto il materiale e lasciò la fattoria per l’intera giornata, per andare al villaggio a mangiare. Il falegname lavorò duramente tutto il giorno misurando, tagliando, inchiodando. Il contadino tornò alla sera, quando il falegname aveva appena finito il suo lavoro. Gli occhi del contadino si spalancarono. Non c’era alcuna recinzione, al suo posto c’era un ponte. Un ponte che collegava le due fattorie sopra il fiume. Era un bel ponte con corrimano. In quel momento, il suo vicino, ovvero il fratello minore, arrivò dalla sua fattoria e, abbracciando, il fratello disse: “Sei un brav’uomo… costruire questo bellissimo ponte dopo quello che ho fatto e detto!”.

I due fratelli si stavano riconciliando quando videro che il falegname aveva preso i suoi attrezzi. “No, aspetta!”, Disse il fratello maggiore. “Rimani qualche giorno. Ho molti progetti per te”, disse il fratello maggiore al falegname. “Vorrei restare”, disse il falegname, “ma ho molti ponti da costruire“.

Via | colegioagustinas.es

Photo | Pixabay