Le 3 poesie in napoletano per la Festa della Mamma

Il napoletano possiede della vere "perle" poetiche che si possono annoverare tra i capolavori della letteratura italiana tourt court. Potevano mancare le poesie sulla mamma? Certo che no, eccone tre!

Non occorre essere nati a Napoli e dintorni per apprezzare il dialetto, la cultura e la letteratura prodotta da questa straordinaria città. E non è neppure necessario avere chissà qualche preparazione linguistica per comprendere la bellezza dei versi in napoletano, perché è sufficiente un po' di attenzione, e un po' di orecchio, per scoprirne il significato.

A proposito di poesia, di teatro, di canzone d'autore, ci sono poche regioni italiane che abbiano prodotto capolavori che stiano alla pari con quelli napoletani, e naturalmente, tra questi, non si possono non annoverare i componimenti dedicati alla mamma!
Poesie-mamma-napoletano

Se volete essere originali, quindi, e porgere i vostri auguri in modo diverso, in modo speciale, perché non trascrivere, sul vostro biglietto di auguri, proprio una bella poesia in napoletano sulla mamma? Noi ne abbiamo raccolte tre, d'autore, di cui la centrale scritta da Totò, che oltre ad essere stato uno straordinario attore, era anche un poeta dotato di grande sensibilità.


  1. A mamma
    Chi tene a mamma
    è ricco e nun o sape.
    Chi a vo' bbene è felice
    e nun l'apprezza.
    Pecchè l'ammore
    e na mamma
    è na ricchezza,
    è comme o mare
    ca nun fernesce mai.
    A mamma tutto te da'
    e nun te chiede,
    e si te vede e chiagnere,
    senza sape' pecchè,
    t'abbraccia e te dice:
    "Figlio!!!"
    E chiagne nsieme a te
    (Salvatore di Giacomo)

  2. A cchiù sincera
    Tengo na 'nnammurata
    ca è tutt' 'a vita mia.
    Mo tene sittant'anne, povera mamma mia!
    Cu chella faccia 'e cera,
    sotto 'e capille janche,
    me pare na sant'Anna
    cu ll'uocchie triste e stanche.
    Me legge dint' 'o penziero,
    me guarda e m'anduvina
    si tengo nu dulore
    si tengo quacche spina...
    (Antonio De Curtis-Totò)

  3. Core 'e mamma
    So’ mamma! Sta parola è ‘nu dulore
    quanno p’ ‘e figlie nun nce sta cchiù ppane.
    T’ ‘e strigne mpietto: gioia ‘e mamma, ammore...
    forze, se magnarrà quann’è dimane!
    Dimane!? e tu te siente squartà ‘o core,
    te guardano, chiagnenno, mmiezo ‘e mmane!
    Piatà! St’aneme ‘e Ddio cu ‘e carne ‘a fore
    mme morono, tremmanno comme ‘e cane!
    E ‘st’angiulillo?... Peppeniello mio!
    no, nun murì, mamma te tene nzino
    nfunnenno ‘e chiante ‘e ricciulille d’oro.
    Pe’ carità, v’ ‘o cerco a nomme ‘e Ddio,
    sarvate ‘e criature, e si è destino,
    Marò! tu lievammenne nzieme a loro!
    (Giovanni Capurro)

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail