Permessi per l'allattamento per la madre, cosa dice la legge italiana

Cosa dice la legge italiana in merito ai permessi per l'allattamento che spettano alla madre? Ecco tutto quello che c'è da sapere per far valere i nostri diritti di neo mamme sul posto di lavoro.

Lo sapevate che alle neo mamme (e anche ai padri) spettano dei permessi per l'allattamento che devono essere garantiti dai datori di lavoro? Come leggiamo sul sito dell'Inps, questi riposi giornalieri per consentire l'allattamento al seno dei neonati non spettano a tutte le categorie.

La madre che chiede il riposo per l'allattamento deve ricevere un'indennità pari all'ammontare dell'intera retribuzione, anticipata dal datore di lavoro. L'indennità spetta dal giorno successivo ai tre mesi dopo il parto sia per la madre sia per il padre e dura un anno.

La madre ha diritto a 2 ore al giorno di riposo se l'orario di lavoro è pari o superiore a 6 ore giornaliere, di un'ora se l'orario è inferiore. L'orario viene raddoppiato in caso di parto gemellare o plurimo e in caso di adozione o affidamento di 2 o più bambini.

I permessi per l'allattamento spettano alla madre lavoratrice dipendente, anche in caso di adozione del bambino o affidamento, per tutto il primo anno di vita del piccolo (o nel primo anno dopo l'ingresso del bambino nella famiglia), alla madre lavoratrice dipendente in distacco sindacale nei periodi di aspettativa sindacale non retribuita, alla madre LSU, LPU e ASU impegnata a tempo pieno nelle attività socialmente utili.

Purtroppo i permessi non spettano alle lavoratrici autonome, alle lavoratrici a domicilio, alle colf e alle badanti. Spettano però anche in caso di congedo parentale del padre, mentre al padre il riposo per l'allattamento non spetta nel caso la madre sia in astensione obbligatoria o facoltativa o nel caso in cui la madre sia assente dal lavoro per sospensione.

Permessi per l'allattamento per la madre

Foto | da Flickr di carolbrowne

Via | Inps

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail