Sterilizzare i prodotti per bambini: come e quando farlo?

Quando si devono sterilizzare i biberon e succhietti per i bambini? Ecco qualche consiglio per l’igiene del piccolino.

Nei primi mesi del bambino, essere particolarmente accorti con la pulizia è un dovere. I genitori di solito si attrezzano con sterilizzatori di vario genere e tipi. Ma quando serve davvero e quale metodo è meglio seguire? Il neonato non ha ancora un sistema immunitario sviluppato e mantenere tettarelle, ciucciotti e prodotti per lo svezzamento ben puliti è fondamentale per proteggerlo da eventuali infezioni. La sterilizzazione quindi è ampliamente consigliata per i primi sei mesi di vita e finché il bambino prende il biberon e i succhietti.

I biberon vanno lavati sotto acqua corrente calda con uno scovolino per rimuovere residui di latte e poi va sterilizzato. Consideriamo che nelle nostre case di sterile non c’è nulla, quindi vi basterà lasciare all’aperto i biberon puliti per perderne l’effetto. Non importante, ciò che conta è l’igiene. Potete scegliere la bollitura, che è abbastanza pratica (15 minuti in acqua bollente) oppure utilizzare la sterilizzazione con il microonde. Trovate in commercio degli sterilizzatori da inserire nei fornetti con un po’ d’acqua che renderanno i vostri prodotti perfettamente puliti in 5 minuti.

Più ingombranti (per dimensione) ma ugualmente efficienti gli sterilizzatori elettrici. Potete altrimenti scegliere la sterilizzazione a freddo, che diventa comoda quando si è in viaggio. In questo caso, dopo il lavaggio, si mettono i biberon e ciucci a mollo in una bacinella con un disinfettate per diverse ore. Alcuni vanno risciacquati, altri invece no. Prestate attenzione alle indicazioni sulle confezioni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail