Le poesie di Pasqua di Gianni Rodari da leggere con i bambini

Ecco le poesie di Gianni Rodari dedicate alla Pasqua da leggere con i bambini.

Pasqua

Le poesie di Gianni Rodari sono perfette per essere lette con i bambini per prepararsi alla grande festa di primavera: le filastrocche per bambini dell'autore italiano piacciono sempre a grandi e a piccini.

Sono piccoli racconti in rima, scritti con parole semplici che anche i più piccoli possono comprendere e riprendere, così da imparare ogni giorno tante cose nuove. E oggi parliamo proprio della Pasqua!

Ecco le poesie di Pasqua di Gianni Rodari più belle:

Dall'uovo di Pasqua


    Dall'uovo di Pasqua
    è uscito un pulcino
    di gesso arancione
    col becco turchino.

    Ha detto: "Vado,
    mi metto in viaggio
    e porto a tutti
    un grande messaggio".

    E volteggiando
    di qua e di là
    attraversando
    paesi e città
    ha scritto sui muri,
    nel cielo e per terra:

    "Viva la pace,
    abbasso la guerra".

L'uovo di Pasqua


    Dall’uovo di Pasqua è uscito un pulcino
    di gesso arancione col becco turchino.

    Ha detto: “Vado mi metto in viaggio
    e porto a tutti un gran messaggio!”.

    E svolazzando di qua e di là,
    attraversando paesi e città
    ha scritto sui muri, nel cielo e per terra:
    Viva la pace, abbasso la guerra.

Campane di Pasqua


    Campane di Pasqua festose
    che a gloria quest’oggi cantate,
    oh voci vicine e lontane
    che Cristo risorto annunciate,

    ci dite con voci serene:
    “Fratelli, vogliatevi bene!
    Tendete la mano al fratello,
    aprite la braccia al perdono;

    nel giorno del Cristo risorto
    ognuno risorga più buono!”.

    E sopra la terra fiorita,
    cantate, oh campane sonore,
    ch’è bella, ch’è buona la vita,
    se schiude la porta all’amore.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail