Sostanze tossiche nei pannolini per bambini: allarme in Francia

Sostanze tossiche e pesticidi nei pannolini per bambini: è questa la denuncia dell’associazione 60 Millions de consommateurs.

pannolino neonato

Pannolini tossici in Francia. Questo è l’allarme che è scattato da poco Oltralpe a causa di tracce di glifosato, un noto erbicida, trovate in diverse marche di pannolini e associate ad alte tracce di pesticidi e sostanze chimiche. Una situazione grave, che non fa altro che confermare quanto nel 2017, e prima ancora nel 2013, era già stato denunciato dall’ associazione di consumatori francese, 60 Millions de consommateurs.

La notizia è importante soprattutto per i genitori che fanno acquisti online: in questo momento è importante fare molta attenzione. Purtroppo, il principale problema di questi prodotti – problema che non riguarda solo i francesi ma il mercato in generale – è la mancanza di trasparenza sulle materie prime utilizzate.

Purtroppo nonostante la richiesta di maggiore trasparenza sul confezionamento dei prodotti e nonostante oggi diversi brand, sollecitati circa 8 mesi fa dall’Unione Europea, abbiano applicato agli imballaggi “assenza di residui tossici“, preoccupa il risultato positivo dei test ad alcune sostanze dannose (tra cui fenossietanolo, residui di glifosato e altri pesticidi) su pannolini non “incriminati” lo scorso anno. L’associazione di 60 milioni di consumatori ha chiarito che il rischio per la salute sembra minimo, ma non può essere escluso.

I modelli presi in esame sono i seguenti:

• Mots d’enfants (Marque repère / Leclerc)
• Mots d’enfants écologique (Idem)
• Love&Green écologique
• Toujours (Lidl)
• Naty by nature babycare
• Pampers active fit
• Pampers premium protection
• Pampers simply dry
• Pampers baby dry
• Carrefour baby
• Carrefour baby éco planet
• Pommette agility dry

Via | Ladepeche

  • shares
  • Mail