La poesia per i nonni eccezionali

Ecco una poesia speciale, il Girotondo dei nonni, il testo di una canzone del 1960 che ha fatto la storia d’Italia.

Per la Festa dei nonni ci sono tante filastrocche e poesie da ricordare. Per i nonni eccezionali abbiamo scelto il Girotondo dei nonni. Si tratta una canzone scritta e interpretata da Rita Monico durante lo Zecchino d’Oro del 1960.

Girotondo dei nonni

Ma che noia, sono stanco di studiare
Guardo il nonno che leggendo sta il giornale,
Chiudo il libro e per un po'
A giocare me ne andrò
E il nonnino ad invitare proverò.

Nonno, nonnino,
Giochiamo a nascondino,
Ritorna ancor bambino,
Sorridi anche tu.

Nonna, nonnina,
Che cuci la calzina
Su, dammi la manina,
Nasconditi anche tu.

Lo so, lo so, girar dovrò,
Ma alfin vi troverò.
Felici allor sorriderem
E ancora canterem...

Nonno, nonnino,
Giochiamo a nascondino,
Ritorna ancor bambino,
Sorridi anche tu.

Lo so, lo so, girar dovrò,
Ma alfin vi troverò.
Felici allor sorriderem
E ancora canterem...

Nonno, nonnino,
Giochiamo a nascondino,
Ritorna ancor bambino,
Sorridi anche tu.
Nonna, nonnina,
Che cuci la calzina
Su, dammi la manina,
Nasconditi anche tu.

Lo so, lo so, girar dovrò,
Ma alfin vi troverò.
Felici allor sorriderem
E ancora canterem...

Oh che peccato,
Il nonno si è fermato,
La nonna si è stancata,
Non vuole più giocar!
La devo consolar...
La devo consolar...!!!

  • shares
  • Mail