Canada: mamma ritrova il figlio sparito 31 anni fa

Lyneth Mann-Lewis ha potuto riabbracciare il figlio dopo 31 anni, a 21 mesi il bambino è stato rapito dal padre ed era sparito nel nulla.

La perdita di un figlio è qualcosa che non si può spiegare, è talmente contro natura che non c’è neanche un termine per definirla. Peggio della morte di un figlio c’è solo il non sapere che fine abbia fatto, se è vivo o no, se sta bene, se soffre o se si sente solo. Lyneth Mann-Lewis è una signora canadese che ha vissuto per ben 31 anni senza sapere se suo figlio fosse vivo o morto e se l’avrebbe mai rivisto. Jermaine è sparito nel nulla insieme al padre quando aveva solo 21 mesi. Qualche giorno fa questa agonia finita perché la polizia ha intercettato il ragazzo tramite i documenti falsi del padre, che lo aveva rapito e portato negli Stati Uniti.

Lyneth Mann-Lewis e il marito si sono separati subito dopo la nascita di Jermaine, il bambino viveva con la madre a Toronto e vedeva il papà regolarmente, un giorno sono spariti senza lasciare traccia. Inutili le ricerche, gli appelli e la disperazione della donna che non ha mai più avuto notizie del figlio, non sapeva nemmeno se era ancora vivo. La settimana scorsa però c’è stata la svolta: la polizia ha incastrato l’uomo polizia grazie ai documenti falsi che aveva presentato per richiedere l’affitto di alloggi in edilizia sovvenzionata.

Padre e figlio vivono in Texas e di fronte ai documenti falsi dell’uomo sono scattati i controlli per capire chi era davvero e cosa nascondeva, poi il software di riconoscimento facciale ha svelato l’arcano e ha portato alla luce la verità. Lyneth Mann-Lewis ha potuto riabbracciare il figlio dopo ben 31 anni e lui ha ritrovato la madre. Il padre aveva detto al bambino che la mamma era morta e lui, ovviamente, ci aveva creduto.

Embed from Getty Imageswindow.gie=window.gie||function(c){(gie.q=gie.q||[]).push(c)};gie(function(){gie.widgets.load({id:'hicqz7OnRpVO1I1ROkr5bg',sig:'vlXxI6I-bVw8BCPDjPZuBZHmr_9JnEnOnBFyOsC4vBM=',w:'594px',h:'389px',items:'1055204372',caption: true ,tld:'it',is360: false })});

Lyneth Mann-Lewis ha raccontato:

“Le parole non possono esprimere ciò che ho provato. Quando mi hanno detto: “Tuo figlio è vivo, l’abbiamo trovato”, mi si è spezzato il cuore. La mia storia è la prova che anche dopo 31 lunghi anni di sofferenza non bisogna mai arrendersi, ma essere pazienti, forti e continuare a credere che tutto sia possibile”.

Lyneth Mann-Lewis

La mamma è volata in Texas, ha abbracciato il figlio, gli ha cucinato qualcosa e insieme hanno parlato per ore, adesso lei è tornata in Canada ma si rivedranno presto, hanno intenzione di recuperare il tempo che gli è stato negato.

  • shares
  • Mail