Ciclone Idai: migliaia di bambini e famiglie colpiti

Il ciclone Idai sta mietendo numerose vittime. Tantissimi i bambini e le famiglie colpiti in Mozambico, Malawi e Zimbabwe.

Ciclone Idai, bambini

Il ciclone Idai si è abbattutto duramente su Mozambico, Malawi e Zimbabwe. Fra le persone vittime di questa forza della natura, si contano tantissimi bambini e famiglie. E' l'Unicef a spiegare la drammaticità della situazione. Alcuni operatori dell'Unicef stanno lavorando duramente a Beira, supervisionati dal Governo del Mozambico insieme ad altre agenzie. Christophe Boulierac, portavoce dell'Unicef a Ginevra, ha così spiegato: "I colleghi dell’Unicef sul campo hanno descritto la situazione come un’inondazione grave a Beira e nelle aree circostanti. Le persone sono in condizioni disperate, diverse migliaia attualmente si trovano su tetti, alberi e altre superfici elevate. Un totale di 267 aule e 24 centri sanitari sono stati distrutti".

Ciclone Idai: tantissime le famiglie e i bambini colpiti

L'Unicef avverte, però, che è difficile fornire delle stime esatte: i dati cambiano di continuo e solamente nei prossimi giorni si potranno dare dei numeri più precisi. La situazione è aggravata dal fatto che molte strutture mediche, fra cui anche la sala d'emergenza dell'ospedale di Beira, sono andate distrutte e quindi non è possibile eseguire interventi chirurgici importanti. Tuttavia il reparto pediatrico di Beira per ora è ancora funzionante. Il problema non è, però, solo legato alla difficoltà di prestare cure sanitarie: bisogna anche considerare l'assenza di case e alloggi e la costante ricerca delle persone scomparse, fra cui molti bambini.

L'Unicef si sta adoperando in tutti i modi affinché ci sia una fornitura costante di acqua che sia sicura da bere, per evitare ulteriori epidemie legate all'assunzione di acqua non potabile. Per fare questo, l'Unicef sta aiutando il Governo distribuendo pastiglie per rendere l'acqua potabile e medicine. Alcune scorte si trovano a Beira, ma purtroppo anche il magazzino dell'Unicef è stato danneggiato.

Via: Agensir

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail