Roma, muore in culla un bambino di 10 mesi

In un asilo privato di Roma oggi è morto in culla un bambino di 10 mesi, non c'è stato nulla da fare e solo l'autopsia potrà dare delle risposte.

Roma, muore in culla un bambino di 10 mesi

Accadono cose che sono del tutto inspiegabili e la morte in culla di un bambino perfettamente sano, rientra sicuramente tra queste. Oggi un bambino di 10 mesi è morto in un asilo privato a Roma, è morto all’improvviso mentre dormiva e nonostante l’arrivo dei soccorsi sia stato tempestivo, non c’è stato nulla da fare. Il corpo del bambino è stato portato all’istituto di Medicina Legale dell’Università La Sapienza per cercare di capire cosa è successo, se avete qualche patologia o altre disfunzioni.

Sul corpo del bambino non c’erano tracce di violenza e maltrattamenti, era un bimbo perfettamente sano che questa mattina la mamma ha portato all’asilo come ogni giorno. Le maestre sono interrogate e portate in caserma ma su di loro non c’è nessuna accusa perché il bambino aveva le vie aree libere e sembrava stare bene.

La tragedia si è consumata in un asilo privato a Roma, in via della Marrana nel quartiere Appio. Il piccolino stava dormendo nella culla, le maestre si sono accorte che si stava agitando troppo e appena sono andate a vedere era già cianotico e con le labbra nere. Quando un bambino piccolo muore senza una ragione si parla di morte in culla o “Sids” (Sudden Infant Death Syndrome), si tratta di un decesso inspiegabile e improvviso, nel sonno e senza la possibilità di poterlo aiutare. Una di quelle situazioni da diventare matti.

Secondo l’Ospedale Bambino Gesù di Roma, la morte in culla colpisce in Italia 1 neonato su 1000, l’Associazione Semi per la SIDS sostiene che nei paesi industrializzati sia di un bambino ogni 2000 e che in Italia siano all’incirca 300 l’anno. 300 bimbi morti così, si traducono in 600 genitori che non troveranno mai pace purtroppo.

La morte in culla colpisce un po’ più i maschietti rispetto alle femminucce con un’incidenza del 60% contro il 40%.

  • shares
  • Mail