Genitori detenuti e figli: la Carta dei diritti

Genitori detenuti e figli, cosa dice la carta dei diritti dei bambini che hanno mamma e papà rinchiusi in carcere?

Genitori detenuti e figli

Genitori detenuti e figli, in Italia esiste la Carta dei diritti per i bambini che hanno mamma e papà o uno dei genitori in carcere, per garantire ai minori di poter avere un rapporto nonostante la sentenza. Ma anche per evitare che i bambini siano costretti a subire una pena anche se innocenti.

Sono 8 i punti della carta che sancisce diritti di figli e di genitori detenuti:


  1. decisioni e prassi da adottare per ordinanze, sentenze ed esecuzione della pena

  2. visita dei minorenni negli istituti penitenziari

  3. altri tipi di rapporto con il genitore detenuto

  4. formazione del personale penitenziario e della giustizia minorile

  5. informazioni, assistenza e guida dei minorenni figli di genitori detenuti

  6. raccolta di dati per fornire informazioni sui figli di genitori detenuti per migliorare accoglienza e visite negli istituti penitenziari

  7. permanenza in carcere in casi eccezionali

  8. istituzione di un tavolo permanente


Cosa dice la legge italiana


La legge 354/1975 che regola l'ordinamento penitenziario consente alle mamme detenute di vivere con i propri figli fino al terzo anno di età. Non hanno colpe, ma già devono scontare una pena. Mamma e figli vivono in un ambiente separato. La legge 62 del 2011 è stata un passo avanti per permettere ai bambini di non vivere in condizioni di prigionia.

L'associazione “A Roma Insieme – Leda Colombini" ha proposto una modifica all'attuale Legge 62/2011, che prevede la realizzazione di case famiglia nei beni confiscati alle mafie, per dare una casa ai 56 minori che oggi vivono nei penitenziari italiani con le mamme detenute. È questo il numero di minori che vivono dietro le sbarre, secondo quanto emerso dalla conferenza stampa ‘Madri detenute e figli minori: normativa vigente e alternative al carcere‘ organizzata lo scorso 2 luglio dal Partito Democratico di Montecitorio insieme all'associazione.

Oggi le case famiglia idonee a ospitare genitori detenuti e bambini sono due, una a Roma e una a Milano.

Photo by Emiliano Bar on Unsplash

  • shares
  • Mail