Calcio a un bimbo immigrato di 3 anni perché si avvicina a un neonato

Il fratello di un pentito della camorra ha dato un calcio a un bimbo immigrato di 3 anni perché si è avvicinato a suo figlio neonato. L'aggressore è stato rintracciato e accusato di lesioni personali aggravate.

Calcio a un bimbo immigrato di 3 anni

A Cosenzaun bambino di tre anni è stato allontanato con un calcio perché si era avvicinato a un neonato sulla carrozzina. Il papà e la mamma del neonato si sono “allarmati” e lui ha dato un calcio nell’addome al bambino scaraventandolo a terra. Questa triste vicenda risale a qualche giorno fa, era il 3 settembre ma la notizia è stata diffusa solo ieri, dopo gli opportuni controlli, raccolta di testimonianze e, soprattutto, dopo che la polizia ha identificato gli aggressori.

Il bambino di tre anni era in centro a Cosenza insieme ai fratelli di 8 e 10 anni, la mamma era in fila dal medico e dato che l’attesa stava diventando lunga aveva accordato il permesso ai figli di andare a prendere un gelato. Poco dopo sente il suo bambino piangere e lo vede a terra. I figli più grandi e alcuni passanti le spiegano cosa è accaduto. Davanti alla questura cosentina i figli grandi riconoscono l’aggressore del loro fratellino, la madre lo affronta ma lui nega tutto.

Per fortuna c’erano vari passanti che non si sono girati dall’altra parte, che hanno difeso il bambino, lo hanno soccorso e poi hanno testimoniato per aiutare i poliziotti a rintracciare gli aggressori. È venuto fuori che il padre (20 anni) è il fratello di un pentito della camorra, è stato rintracciato e denunciato per lesioni personali aggravate. Il bambino per fortuna fisicamente sta bene, ha riportato solo qualche livido e contusione, di certo non sarà facile per lui dimenticare di essere stato preso a calci per strada…

Io mi chiedo come si possa dare un calcio a un bambino e fargli fare un balzo di due metri? Che tipo di persone si deve essere per fare una cosa del genere?

Speriamo che agli aggressori venga inflitta una pena esemplare per bloccare questo clima di odio e di razzismo che imperversa da qualche anno.

Foto | Pixabay
Fonte | Ansa

  • shares
  • Mail