Sciopero degli studenti per il clima, scuola in piazza il 27 settembre 2019

Tutti gli studenti sono invitati a partecipare allo sciopero per il clima oggi, 27 settembre. Il ministro Fioramonti ha chiesto di giustificare le ore senza contarle come assenze.

Oggi tutti in piazza per i Fridays for Future, con eventi organizzati dalla sezione italiana del movimento di Greta Thunberg. Anche l'Italia ha aderito alla Settimana per il clima, ma mentre nella maggior parte degli altri Paesi le manifestazioni si sono svolte venerdì 20 settembre, da noi ricorre una settimana dopo, il 27 settembre. È il terzo sciopero globale (dopo quelli del 15 marzo e del 24 maggio), realizzato per chiedere l'abbandono delle fonti di energia fossili e giustizia climatica per i popoli di tutto il mondo.

È un evento importante anche per la scuola e soprattutto per i numerosi studenti che hanno deciso di aderire. Il Ministro Fioramonti deciso di diramare una circolare alle scuole in cui chiede di considerare come giustificate le assenze degli studenti per lo sciopero globale per il clima. È stato dunque chiesto non contare le ore di assenza in maniera tradizionale. Chi oggi va in piazza non si dovrà dunque preoccupare almeno di questo. Ciò che conta per il governo, ma anche per il Paese, è l’adesione e la partecipazione dei giovani. Si tratta di una vera e propria rivoluzione, ma successa prima. Queste le parole del ministro:

“Cari dirigenti scolastici e cari docenti, caro mondo della scuola, vi invio questa lettera per chiedervi di aiutarmi, da qui in avanti, su un tema comune e pressante che mi sta molto a cuore: lo sviluppo sostenibile per lottare fattivamente contro il cambiamento climatico. Questa è una battaglia improcrastinabile, perché siamo forse l’ultima generazione che può ancora invertire la rotta del Titanic e consentire la sopravvivenza del genere umano su questo bellissimo pianeta”.

  • shares
  • Mail