Save The Children: i bambini poveri potrebbero raddoppiare

Save The Children avverte che i bambini poveri in Italia potrebbero raddoppiare dopo la pandemia da Coronavirus.

Bambini poveri potrebbero raddoppiare

La pandemia causata dal Coronavirus ha colpito duramente l’Italia, sono morte più di 30 mila persone in appena tre mesi, e non solo anziani e malati, ma anche persone in perfetta salute. Il lockdown e le difficoltà che ne sono derivate hanno avuto anche un impatto economico devastante, perdite di posti di lavoro, attività fallite e stipendi dimezzati. Lo Stato sta cercando di aiutare i lavoratori e le famiglie, ma non sarà facile venire fuori da questa situazione. Dal rapporto realizzato dall’istituto di ricerca 40 dB su con Save The Children è emerso che sono circa un milione i bambini – e le loro famiglie - che rischiano di scivolare nella povertà più assoluta.

Lo studio è stato fatto su un campione di 1000 bambini e ragazzi tra gli 8 e i 17 anni e i loro genitori ed è emerso che si rischia la povertà più dura per un milione di bimbi in più, rispetto a quelli che erano in questa situazione già prima del Covid-19.

Un genitore su 7 ha definitivamente perso il lavoro a causa del Coronavirus e 5 su 10 lo hanno perso temporaneamente e 6 famiglie su 10 stanno affrontando una riduzione temporanea dello stipendio. Quasi la metà dei genitori temono di non riuscire a trovare un nuovo lavoro perché le scuole sono chiuse e ai figli devono pensarci loro. Circa la metà delle persone che non hanno potuto lavorare durante il lockdown hanno famiglie monoreddito e quindi è venuta a mancare l’unica fonte di guadagno dell’intero nucleo familiare.

La chiusura della scuola si ripercuote sulle famiglie anche sul versante spesa, perché prima molte erano supportate dalle mense scolastiche. La situazione purtroppo è seria e gli aiuti del Governo non ci saranno per sempre e non per tutti.

Speriamo che l'Italia riesca a superare questo momento così difficile, da tutti i punti di vista.

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail