Palermo, si risveglia dal coma la mamma contagiata

Si è risvegliata dal coma la mamma contagiata dal Covid e ricoverata a Palermo che la scorsa settimana ha dato alla luce la sua bambina.

risveglia-dal-coma-la-mamma-contagiata

La mamma in coma all’ospedale di Palermo si è svegliata e la prima cosa che ha fatto è stata chiedere di sua figlia. Una bellissima notizia che rafforza la speranza che questa pandemia possa finalmente lasciare il passo alla normalità. Qualche giorno fa vi abbiamo raccontato la storia della mamma incinta che ha dato alla luce la sua bambina mentre era in coma per le complicazioni causate dal Coronavirus. Una storia triste e struggente perché le condizioni cliniche della giovane donna erano veramente gravi.

I medici hanno fatto di tutto per salvare la vita a Hafiza e alla sua piccolina Raisha e ci sono riusciti. Hanno portato avanti la gravidanza della signora e si sono prodigati per mantenere in equilibrio le condizioni di salute della mamma per far crescere il più possibile la bambina prima di farla nascere. Quando le condizioni respiratorie di Hafiza si sono aggravate i medici hanno fatto nascere la bambina per poter intervenire in modo più deciso sulla mamma.

La bimba sta bene, ma è stata trasferita all’Ospedale Bambin Gesù di Taormina per un problema congenito al cuore. Dato che è nata prematura e sottopeso (1,4 kg) i medici hanno preferito non rischiare e portarla in un centro specializzato.

La mamma è stata curata durante la gravidanza con il plasma autoimmune arrivato da Pavia, l’unica terapia che non fosse troppo aggressiva per una donna incinta. Dopo il parto i medici sono potuti intervenire in modo più deciso.

Il direttore dell’unità di Rianimazione, Baldo Renda, ha dichiarato:

“Ogni giorno che guadagnavamo, era una possibilità in più di far nascere la bambina che aveva in grembo. Dopo il parto alla trentesima settimana di gestazione abbiamo potuto dedicarci di più alla madre. Le abbiamo fatto la tracheotomia, le condizioni respiratorie sono migliorate”.

Baldo Renda

Hafiza è ricoverata in terapia intensiva all’ospedale Villa Sofia-Cervello, ma a breve sarà trasferita in un centro di riabilitazione respiratoria.

Tanti auguri a questa mamma forte e coraggiosa e alla sua bimba, speriamo che da ora in poi tutto vada per il meglio e che possano entrambe tornare a casa insieme.

via | repubblica
Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail