La medicazione del cordone ombelicale è un momento molto importante: va eseguita con costanza e attenzione, per permettere al moncone di seccarsi e di staccarsi nei tempi previsti, solitamente un paio di settimane, lasciando l’ombelico sano e perfetto. Sicuramente il giorno prima delle dimissioni dall’ospedale, le ostetriche vi spiegheranno come poter curare e pulire al meglio il moncone del cordone ombelicale.

Fino a quando non è caduto, vietato fare il bagnetto al bambino. Il motivo è presto detto: il moncone si bagnerebbe e questo renderebbe più lungo il processo che lo porterà a seccarsi e a cadere spontaneamente. Meglio aspettare pulendo il nostro pargolo nel lavandino, una parte alla volta, avendo cura di non bagnare il cordone ombelicale.

Ogni giorno per 2-3 volte al giorno dovrete lasciare un po’ all’aria la pancina del neonato (consiglio che si attua più facilmente in estate, mentre in inverno abbiate cura che la stanza sia bella calda), così da permettere al cordone di prendere aria. Dovrete pulirlo con cura con una garzina sterile e dell’alcol, che non solo impedisce il manifestarsi di infezione ma rende il processo di essicamento più veloce. Non usate il cotone, perché potrebbe perdere delle parti difficili poi da togliere.

Coprite sempre il moncone del cordone ombelicale con una garza sterile, che andrà fermata non con del cerotto ma con quelle fasce a rete che usiamo solitamente quando ci facciamo male in parti scomode come gomiti e ginocchia: in farmacia trovate quelle fatte apposta per i neonati! Quando il moncone è caduto, continuate a pulire la zona per un paio di giorni.

Foto | da Flickr di tennis55

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Cronaca Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

Il vero robot di Gundam si muove